Coltivare le Cattleyae

Quando i progenitori di un incrocio appartengono a più di tre generi, la registrazione porta il nome del suo primo ibridatore.
Nel caso in esame la richiesta di registrazione di nuovo incrocio è stata presentata dalla ditta “I.Ota & Greatwood” con la proposta di assegnare il nome di del titolare della ditta “Isamu Ota”, da cui ‘Otaara’ in Orch. Rev. 90 (1069): p. 6, 8 (Nov. 1982) .
Potinara: combinazione di 4 specie (Brassovola, Laelia, Cattleya e Sophronitis), così nominata in onore del Dr Potin.
Rolfeara: in questo caso sono state usate 3 specie (Brassovola, Cattleya e Sophronitis)… esistono almeno altre 60 combinazioni di Cattleya utilizzata con altre specie.

Collezione Guido De Vidi
Otaara Ernest Iwanaga ‘fuku’ (Blc Frances Y. Hoschimo x Ctna Keith Roth) registrato il 21 Novenbre 1988.
Le foto evidenziano l’evoluzione delle ibridazioni, che col passare degli anni producono fiori sempre più piccoli, numerosi e di colore più intenso.

Nomi di specie e di ibridi naturali
E’ opportuno ricordare che i nomi di specie sono scritti in corsivo e con iniziali minuscole: Cattleya intermedia, Cattleya aurantiaca, Cattleya bowringiana, Cattleya mossiae ecc. Le varietà naturali sono indicate con la sigla var. e l’eventuale nome clonale virgolettato semplice. Alcuni esempi: Cattleya intermedia var. alba , Cattleya loddigesii var. Alba, Cattleya loddigesii var. coerulea ‘Blue Sky’.
Le ibridazioni naturali, quelli che si verificano in natura sono contraddistinti da un ‘X’ prima del nome.
Esempio: C. Xhardyana, ibrido naturale di C. dowiana x C. warscewiczii.

Altre indicazioni riportate dai cartellini sono i premi ottenuti: AM, HCC e FCC, respettivamente, Award of Merit, High Class Certificate e First Class Certificate seguiti dalla sigla della società che li rilascia, ad esempio AOS ( American Orchid Society, AOC (Australian Orchid Council), RHS (Royal Horticultural Society), e così via.
Il valore del riconoscimento ottenuto è direttamente proporzionale all’importanza della associazione che lo rilascia.

10 pensieri riguardo “Coltivare le Cattleyae”

  1. non so cosa ho combinato ho spostato tutto il mio albun, ora dovro cancellare molte foto ditemi se i va bene..abbiate pazienza sono un po’ imbranata.
    ps sono felice che siate qui a trieste il 19 di aprile ci vediamo.. lo riferisco alle altre triestine
    mg

  2. mgrazia…se tutto va bene, su invito degli organizzatori, il pomeriggio del 19 Aprile sarò a Trieste per una conversazione sulla coltivazione delle orchidee:

    HORTI TERGESTINI, evento cultural–botanico, mostra mercato di piante e arredi per giardino, aperta al pubblico gratuitamente, si terrà nei giorni 19 e 20 aprile 2008 nell’area del Parco di San Giovanni a Trieste.

    …sarà una bella occasione per parlarne.
    Ciao a presto
    Guido

  3. per le foto, caro Guido, le ho su un photobook, poi che faccio ..
    perchè senza gianni mi sento persa e non so come andare avanti
    grazie per i suggerimenti
    mgrazia

Ciao! Che ne pensi?