Filo diretto: il blog, voi, e le orchidee

In attesa delle prossime novità (Daniel sta lavorando per ridar vita al blog), inganneremo il tempo dialogando fra noi su questo post.

In questi giorni il blog è stato oggetto di ripetuti attacchi “hackers”, nel frattempo sono giunte in redazione varie mail ed anche commenti, forse qualche cosa s’è persa per strada, se non avete ricevuto risposta vi chiediamo la cortesia di ricontattarci, questo post sarà il filo diretto con voi, fino alla prossima risistemazione del blog.
www.orchids.it

La mail di Stefania
Buonasera ………..
noi non ci conosciamo ,,, io sono Stefania e sono una appassionata di orchidee a livello casalingo.
se non e’ un problema avrei piacere di essere messa al corrente degli incontri che fate come associazione ”orchids” per scambiare opinioni e consigli .
Ho visto la sua meravigliosa serra in uno speciale in tv e mi chiedevo se lei mi potesse consigliare dove trovare una piccola serra da appartamento per orchidee a clima caldo con relativi accessori (ventola-termostato e vaporizzatore).
La ringrazio e spero in un incontro personale al più presto….
STEFANIA

Ciao Stefania, benvenuta fra le orchidee.
Il tuo indirizzo di posta elettronica è già stato incluso nella lista degli amici di Orchids Club Italia e quindi riceverai tutte le nostre notizie…ovviamente c’è sempre orchids.it…l’angelo custode delle orchidee 😉
Per quanto concerne la piccola serra, appena sarà pienamente attivo il blog (ora non è possibile postare foto), presenteremo la piccola serra wardiana presentata alla mostra di Onigo dall’amico Aldo Dello Iacovo.
Guido

La mail di Marina
Buonasera,
è la prima volta che scrivo, ma già da un po vi seguo sul vostro bel sito dove trovo molte risposte ai miei 1000 dubbi.
Adesso ne avrei due in particolare: un paio di settimane fa sono stata ad una piccola mostra di orchidee a Bologna e ho comprato delle piantine di Den. pierardii. Per ora hanno i bocciolini, quindi li lascerò nei loro vasetti con lo sfagno, ma poi vorrei metterli su zattera: posso usare come base un tronchetto molto rugoso di olivo o ci sono controindicazioni?
Di più, come comportarmi esattamente?
Secondo quesito: una delle mie 3 Cattleye, dopo aver fiorito ha messo radici nuove e germoglio, l’ho rinvasata, credo e spero nel modo giusto, ma il germoglio sta crescendo esattamente perpendicolare allo pseudobulbo precedente. Modificherà la sua direzione in seguito o c’è qualcosa che devo fare?
Grazie per ogni consiglio che mi arriverà.
Altra cosa, già che ci sono. Abito vicino a Firenze, sembrerà strano, ma trovare piante di orchidee, tranne le solite phal. o cymb. è impossibile.Gradirei tantissimo avere informazioni, se qualcuno le ha, su qualche vivaio che venda qualcosa di un po più particolare, non dico speciale, visto che comunque sono una principiante.
Spero di avere scritto all’indirizzo giusto, ma con internet sono una vera frana.
Grazie, cordiali saluti e
tanti complimenti.
Marina

Ciao Marina, grazie per i complimenti.
Il tuo D. pierardii puoi lasciarlo nello sfagno finché fiorirà, E’ un’ ottima idea la sistemazione su tronchetto, ma ti conviene fare l’operazione quando le tue piantine sono in vegetazione (presenza di nuovi germogli e radici attive), avendo cura di attaccarle a testa in giù e di legare un po di sfagno attorno alle radici.
Il nuovo germoglio della tua Cattleya cresce orizzontale forse perché cerca luce dalla finestra…gira la pianta o trovale altra sistemazione.
Non proprio vicino a Firenze, ma comunque in Toscana (Grosseto) è nata una nuova azienda che vende orchidee da collezione, ecco il link Il Sughereto
Buona coltivazione.
Guido

Il commento di Alessandro

Ciao io ho un’orchidea ma non so di che tipo è. Mi farebbe piacere sapere se qualsiasi orchidea viene trattata alla stessa maniera o ci vogliono delle cure specifiche a seconda della specie.
grazie
Ciao

Ciao Alessandro,
non proprio cure specifiche per ogni specie ma non tutte le orchidee richiedono le stesse condizioni di coltivazione.
A grandi linee possiamo raggrupparle in tre grandi gruppi: temperature fredde (5-20 G°), temperature intermedie (12-25 G°) e temperature calde (18-32 G°).
Per altre indicazioni sarebbe utile vedere la pianta, se puoi invia una foto a info@orchids.it.
A presto
Guido

5 pensieri su “Filo diretto: il blog, voi, e le orchidee

  1. E’troppo bello!Bravissimi! Ci siete riusciti e il risultato è una meraviglia.Mi siete mancati ma ne è valsa la pena . COMPLIMENTI
    baci Luciana

  2. Certamente, spero di poter venire a S.Donà, anche perchè Massimo mi ha parlato molto molto molto bene di te, della tua serra e della tua enorme esperienza in materia.
    Bhe, può essere che il fiore sia stato aperto da tanto tempo ma però non era aperto del tutto..era ancora in bocciolo.
    La pianta l’ho comprata lo scorso mese ma se serve effettuerò il rinvaso.
    Eventualmente come posso fare per ridargli forza alla pianta?

    Grazie ancora

  3. Ciao Gianluca, mi dispiace non esserci conosciuti ad Onigo…contavo di venirti a salutare mentre eri con Massimo…sarà al prossimo incontro.

    Non penso sia problema di temperatura (le fasce di temperatura sono da intendersi quali situazioni ideali a lungo periodo), forse quel fiore era aperto da tempo, oppure la pianta non era nelle migliori condizioni di forza.

    Tieni conto che i Paphiopedilum sarebbe utile rinvasarli ogni anno, un’occhiata alle radici ed un rinvaso dopo la fioritura non sarebbe male.
    A presto
    Guido

  4. Salve, buongiorno a tutti.

    Ringrazio sempre in anticipo per la vostra disponibilità.
    Guido……..Ho un problema però:mi sono accorto ieri che la mia paphio a foglie verdi uniforme ha “abbassato” il fiore rendendolo più smorto, meno vivo insomma….
    il problema che mi è subito venuto in mente è che all’interno della casa io ho sempre una temperatura di 18° mentre per certi tipi di paphio la temperatura deve oscillare tra i 15 min notturni e i 25 diurni.
    Può essere che sia questa la causa?o in alternativa, cosa può essere?

    Grazie mille a tutti di cuore

    Gianluca

Ciao! Che ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.