Le orchidee di Enzo: una visita emozionante

Le orchidee sono ammalianti
Sì. E’ vero, ma può capitare per vari motivi di dover rompere quel rapporto magico con loro, ed allora la magia si tinge di tristezza.
Quando si inizia l’avventura con le orchidee, a volte ci si perde subito per strada e qualche volta invece, può succedere che si riesca a creare una bella collezione, che cresce attorno a te e quasi ti avvolge, ma il suo mantenimento richiede sempre la tua presenza, il tuo amore e la tua passione. Le insidie sono enormi e le occasioni di sconforto ti assalgono quasi giornalmente. Molti sono gli aneddoti di fallimenti, di grandi collezioni finite e di sacrifici buttati al vento. La collezione di orchidee poi, invecchia insieme al suo collezionista – è la legge della vita – cosa fare?

La visita alla collezione di Enzo
Enzo Cantagalli vive a Pieris (GO) e coltiva orchidee da una vita, la sua vita ha superato la ottantina da un bel po di tempo. La sua collezione di orchidee è stata splendida per anni, e per molti di noi è stata la fonte dei nostri desideri, l’occasione per assaporare la magia e per attingere a piene mani, saggezza e consigli. Col passare degli anni, però, la sua sfida con le orchidee si è fatta sempre più difficile e da qualche tempo, forse, Enzo sta mollando, ma…

Nella foto a sinistra sono orgogliosamente in compagnia di Enzo Cantagalli, nel suo giardino solare.

La visita
Ho scelto un sabato pomeriggio, soleggiato e caldo per far visita a Enzo Cantagalli. L’occasione è stata quella di portargli qualche sacco di bark per i rinvasi.
Enzo mi telefonò ancora in maggio per chiedermi del bark. Al telefono parlai anche con Maria, sua moglie, e fu lei a dirmi – Guido, adesso xe la Livia (sua figlia) che cura le orchidee, Enzo non vol più andar in serra – mi sorprese questa frase, ma rimandai ogni considerazione alla visita, che di li a breve avrei sicuramente fatto a casa loro.
Per la verità passò del tempo prima che riuscissi a percorrere quei 100 chilometri e passa, che dividono le nostre residenze. Sabato finalmente mi misi in viaggio. Decisi di evitare l’autostrada, quasi a volermi godere la vecchia strada statale che porta a Trieste, bella, quando c’è poco traffico. Giunsi a Pieris verso le 17 e fui accolto da Enzo con un abbraccio caloroso. Ad attendermi c’era anche la moglie Maria e la figlia Livia. Seduti nella loggia che da sul giardino abbiamo conversato amabilmente, un po di “amarcord” e poi…le orchidee.
Enzo, andemo in serra? – esordisco io – questa era la frase di rito che dava il la alla nostra “immersione nella sua serra” in occasione delle numerose visite, ma la sua risposta questa volta fu distaccata e per certi versi anche attesa – Guido, xe più de un mese che no vado in serra, no so cossa che me sucedi, ma con le orchidee no go più interesse, preferisco far qualche giereto in bicicletta dentro le grave dell’Isonzo.
Maria, conferma. – Sì, ora xe la Livia che la segue tutto, ma ela la lavora – Livia intanto annuisce e i suoi occhi lasciano trasparire un certo orgoglio misto a timore di non riuscire nell’impresa.
Si continua a conversare e improvvisamente Enzo – Ti vol che andemo in serra? – varda che xe na disperassion, però! Non me lo faccio ripetere due volte e per sdrammatizzare rispondo – bene, chissà che non trovo qualche specie che me manca.

La serra
La serra un po stanca, mostrava qualche problema, ma complessivamente l’ho trovata ancora in forma. I bancali delle Cattleye con evidenti segni di trattamenti contro la cocciniglia, quella maledetta cocciniglia che da anni fa impazzire Enzo, bellissimi esemplari di tillandsia, una bellissima pianta di Oncidium flexuosum in fiore, ma ecco, la, lungo la parete, la regina della serra : un esemplare di Bifrenaria inodora…stupendo! – esclamo – ce ne sono due – risponde Livia, quasi sorpresa. L’abbiamo fotografata, ovviamente, eccola in tre versioni: in serra e fuori in giardino.

.

Bellissimo questo esemplare, Enzo mi chiese più volte se io lo avevo. Sì. Ho questa specie in serra ed è proprio il frutto di una divisione donatami da lui qualche “visita” fa. Però ho riflettuto prima di rispondere affermativamente…lui avrebbe avuto il piacere di regalarmene una, ma ho pensato che quelle orchidee fiorite, dovevano rimanere nella sua serra, magari per tenerlo ancora vicino alle orchidee, ma…
forse Enzo ha già capito che le sue orchidee sono in buone mani e sta consegnando il testimone, con stile e discrezione, a sua figlia Livia.
Complimenti e tanti auguri Livia, noi saremo sempre ad aiutarti.
Cercheremo di organizzare una visita alla mia serra, sarà una bella giornata anche per papà Enzo e le sue orchidee, sì, perché nella mia serra, tantissime sono figlie delle sue…ora tue 😉

11 pensieri riguardo “Le orchidee di Enzo: una visita emozionante”

  1. Solo oggi su informazione di mia sorella Livia leggo le belle righe da te scritte riguardanti la visita a papà.
    Le tue parole inerenti la serra e le orchidee fanno un po’di tristezza e malinconia ma le parole che riguardano l’ amicizia e la stima che tu hai nei confronti di mio padre (ti assicuro che è reciproca) mi riempiono di gioia e orgoglio, le tue righe le ho fatte leggere anche alle mie figlie affinchè imparino a riconoscere i veri valori che non hanno prezzo.
    Una parola di incoraggiamento anche a mia sorella perchè sono sicuro che il testimone è stato lasciato in buone mani poi con il vostro aiuto sono sicuro che i risultati si vedranno. Ed in ultimo complimenti per il vostro sito.
    Grazie Fabio.

  2. Livia carissima, tu sai quanto sia grande la mia stima per voi e per Enzo soprattutto. Ad dirla tutta anch’io mi sono commosso, sia scrivendolo che leggendolo, questo post, ma ora è utile andare oltre la commozione e la malinconia: anche una sola orchidea sarà rappresentativa della lunga parentesi creativa del papà. Tu però saprai fare di più e ti prego, non esitare a chiedere aiuto e consiglio.
    Grazie per la tua testimonianza e…trova il tempo per fare un giretto verso Treviso, ciao e buona coltivazione.
    Un grande abbraccio.
    Guido

  3. Caro Guido, sono rientrata adesso dopo 6 giorni e ti confesso che ero molto curiosa di vedere come avresti parlato della tua visita a Pieris. In questo momento sono sinceramente commossa dal tuo post, dalle tue parole e…. dalla malinconia. Io ho solo un interesse superficiale per le orchidee e in questo momento me ne sto prendendo cura come posso, compatibilmente con i miei impegni personali e le mie scarse conoscenze perché non riesco a chiudere questo capitolo così importante per la vita di mio padre. La ragione è che, anche se non me lo ha mai chiesto esplicitamente, capisco che a lui fa piacere mantenere questo importante legame con il passato. Purtroppo mi rendo anche conto di non essere all’altezza di “cotanto padre”e questo mi rende triste.
    Ti ringrazio Guido per la tua sensibilità e per le splendide parole che dedichi sempre a Enzo. Te ne sono molto grata.
    Con sincero affetto. Livia

  4. Complimenti per questo bellissimo post ,io abito a pochi km da Pieris ( Gradisca d’Isonzo ) e non sapevo di avere un ” vicino ” con questa passione in comune.Questo “blog ” è magico !! Volevo chiedere al sig. Enzo se posso un giorno passare anch’io a visitare la sua serra e approfittare così per chiedergli qualche consiglio. Saluti Carla

Ciao! Che ne pensi?