Cattleya trianaei…il sogno continua

Nella foto in evidenza: Cattleya trianaei ‘Pink Gem’
Collezione rio Parnasso

Cattleya trianaei (Lindl & Rchb. f.), conosciuta anche come Flor de Mayo “Fiore di Maggio” o “orchidea natalizia”. Orchidea epifita, endemica in Colombia dove è stata nominata come fiore nazionale nel novembre 1936.
La scelta è stata fatta per due ragioni principali:
per il labello del fiore, che in alcune varietà è giallo, blu e rosso, come i colori della bandiera colombiana; altro motivo è il nome di specie, dato in onore del botanico colombiano José Jerónimo Triana del XIX secolo.
C. trianaei ‘Sangre de toro’
C. trianaei è una delle più amate fra tutte le specie di Cattleya, forse e non solo perché fiorisce quando abbiamo più bisogno della bellezza della natura: in inverno. Ma non è solo il suo periodo di fioritura, a rendere desiderata dai collezionisti, fra tutte le specie, C. trianaei è l’emblema della perfezione, poiché possiede le migliori qualità del genere.

img_0439 I fiori della Cattleya trianaei, sono fra i più delicati di tutte le unifoliate ed hanno una vasta gamma di colori: dalle forme alba, alle diverse tonalità pastello, per passare alle varietà più colorate con striature e trame sui petali.
Nonostante la sua consistenza delicata, C. trianaei dura in fiore anche più di cinque settimane.
Altra caratteristica vegetativa interessante di questa specie è la doppia crescita nell’anno, una di seguito all’altra, con entrambe a fioritura.

Cattleya trianaei: storia.
Cattleya trianaei fu descritta per la prima volta da H. G. Reichenbach nella pubblicazione botanica tedesca Botanische Zeitung nel gennaio 1860, ma circolava nelle collezioni europee già 18 anni prima.
Fu il belga Jean Jules Linden, a scoprirla nel 1842, durante un suo viaggio nei paragi di Fusagasuga, in Colombia, ma non raccolse alcuna pianta.
Fu un certo Mr. Rucker del borgo londinese di Wandsworth, a ricevere in dono da un amico colombiano, la prima pianta giunta in Europa.

John Lindley non si fidò di Rucker
Alla prima fioritura, Rucker portò alcuni fiori al botanico inglese John Lindley, ma non ritenne di avere sufficenti prove che quei fiori fossero tanto diversi da quelli di una C. labiata. Ad ogni buon conto Lindley ne fece cenno sulla rivista Flower Garden nel 1850, ma solo per considerarla come Cattleya quadricolor in virtù dei quattro colori nei fiori – viola scuro, lavanda, giallo e arancione.

La scoperta di una enorme colonia di quella nuova specie
Fu solo nel 1851, quando un botanico colombiano, José M. Triana, trovò un gran numero di C. trianaei nel Cordillero Orientale. Le piante furono rispedite a Linden, che questa volta fiutò l’affare e nel 1855 le inserì nel suo catalogo di orchidee per 150 franchi a pianta con il nuovo nome di “Cattleya Trianae”. Linden ebbe il buon senso di dedicare questa nuova specie – disse lui – “a quell’erudito e modesto autore di Flora Columbiana, José M. Triana.”

Cattleya trianaei, abbondanza e facilità di coltivazione.
Nel 1800, furono molte le nuove orchidee che giunsero nel mondo dell’orticoltura europeo, ma l’abbondante disponibilità e l’ampia varietà di colori della Cattleya trianaei, decretò un vero boom, promosso con caparbietà da Linden, a tal punto da spingere il suo amico, Reichenbach, a pubblicare una descrizione di nuova specie, e ha ritrarre 41 diversi cloni su 28 tavole a colori nella sua famosa Lindenia.
E’ di quel periodo (1870) la grande mostra speciale ai Giardini zoologici di Bruxelles, dove Linden espose 240 diversi cloni con più di 900 fiori.
Oltre al business, Linden ricevette il plauso perfino da Reichenbach, che nella descizione ufficiale della specie mise il nome di Linden accanto al suo: Cattleya trianaei Lind. Rchb.f.

Il dubbio: trianae o trianaei
Il nome “trianaei” è pronunciato “tri-an-ee”, che è strano perché termina in una “i”. Reichenbach nella sua descrizione originale ha scritto trianaei con la “i” finale per sottolineare il genere maschile di José Triana.
Ma negli anni che seguirono, quasi tutti i botanici ed i tassonmisti, tra cui Linden stesso, Sanders, Veitch e persino la Royal Horticultural Society, dimenticarono la “i” e pronunciarono “trianae”: mettendo d’accordo ortografia e pronuncia. Nel 1960 fu cambiata anche l’ortografia originale di Reichenbach.

Uso commerciale della nuova specie
Il commercio europeo e statunitense dei fiori recisi favorì l’importazione di centinaia di migliaia di Cattleya trianaei, tanto era abbondante nel suo paese di endemicità e poco costoso da importare che non serviva riprodurre le piante da seme. I coltivatori da fiore reciso degli anni 30 potevano permettersi di importare piante forza a fiore, portarle a fioritura, raccogliere i fiori per un anno o due, e poi buttarle via; garantendo ugualmente un buon profitto.
Si racconta di intere serre a coltivazione intensiva di Cattleya trianaei (Thomas Young Orchids nel 1948), svuotate dalle piante e lasciate morire dopo il taglio dei fiori per il mercato.

Cattleya trianaei, cloni e varietà.
Un inventario della famosa collezione di Dixon nel 1930 elenca 68 cloni eccezionali di C. trianaei senza contare altre centinaia in altre collezioni e in letteratura. Nel 1916, la Royal Horticultural Society aveva assegnato 22 FCC e 24 AM.
Nel tempo, sono state registrate molte altre forme o cloni, il sogno dei collezionisti di Cattleya trianaei continua.

Un pensiero su “Cattleya trianaei…il sogno continua

  1. Pingback: I primi 7 anni di Leonardo Nuno | Orchids.it

Ciao! Che ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.