Coelia bella

Il genere Coelia
Numero di specie:
Coelia bella.
Coelia macrostachya.
Coelia triptera.
Coelia guatemalensis
Coelia densiflora

Quattro specie – C. macrostachya, C. bella, C. guatemalensis e C. densiflora – erano precedentemente incluse nel genere Bothriochilus. A sguito di prove morfologiche e molecolari ora tutte le specie sono comprese nel precedente genere Coelia, creato da Lindley J. (1830) in “The Genera and Species of Orchidaceous Plants 36”- con Coelia triptera (Sm.) G.Don ex Steud. come specie tipo.
Coelia è un genere monotipico composto da circa 5 specie distribuite dal Messico e alle Indie Occidentali al Guatemala, Honduras, El Salvador e Panama, per lo più epifite, ma anche terrestri e litofite a sviluppo simpodiale con pseudobulbi ellissoidi e/o ovoidi avvolti da guaine cartacee, portanti foglie subcoriacee, lunghe fino a 60 cm. I fiori vistosi, dal bianco al rosa, nascono dalla base degli pseudobulbi in racemi eretti.

La specie
Coelia bella (Lem.) Rchb. f. 1861
Coelia bella è originaria del Messico, Guatemala, Honduras, Belize e Costa Rica. Cresce direttamente sulla terra (raramente epifita) ad un’altitudine di 500 a 1500 metri sul livello del mare.Coelia bella anche chiamata Bifrenaria bella, Bothriochilus bellus, è una specie del genere Coelia. Questa specie fu descritta da Heinrich Gustav Reichenbach nel 1861.
Coelia bella produce infiorescenze erette, basali, lunghe fino a 15 cm, con vari fiori profumati. I fiori sono fondamentalmente bianchi, con punte viola sui tepali e il labello giallo giallo, emanano un gradevole aroma di marzapane.
Coltivazione
Luce:
Coelia bella cresce in ambienti luminosi, nelle coltivazioni casalinghe la posizione ideale è una finestra orientata a sud-est o est, ma avendo attenzione a non esporre la pianta alla luce diretta del sole.
Temperatura:
Questo tipo di orchidea desidera temperature moderate: la temperatura estiva non dovrebbe superare i 25° C durante il giorno e 18 ° C di notte; t con uno sbalzo termico fra giorno e notte non inferiore a 6-7° C.
Umidità:
Coelia bella ha bisogno di un ambiente con umidità relativa da 50 a 70%. L’aria troppo secca influisce negativamente sullo sviluppo della pianta e la sua crescita.
Substrato, e rinvaso:
Coelia bella si consiglia di coltivarla solo in vaso con un substrato sempre umido, miscela di bark, torba (fino al 60%), carbone di legna e muschio di sfagno.
Il rinvaso è consigliato solo nei casi di evidente compattazione del substrato, il momento migliore per il trapianto è il periodo immediatamente successivo alla fioritura e fino al momento in cui i nuovi germogli iniziano a sviluppare il nuovo apparato radicale.
Bagnature e fertilizzazioni:
Durante la fase di sviluppo questa pianta necessita di annaffiature frequenti e abbondanti, facendo attenzione che non si crei ristagno d’acqua. Il substrato tra le bagnature dovrebbe asciugarsi bene, ma non rimanere più di due giorni in uno stato completamente asciutto.

Ciao! Che ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.