Trichoglottis fasciata Orchidee proibite… si fa per dire

Chiunque coltivi orchidee per passione ha le sue piante impossibili, quelle proibite, quelle che vorrebbe, ma che non potrà mai coltivare… per questione di spazio o per tanti altri motivi: proviamo a fare un viaggio fra le “orchidee proibite”.
Sono molte le specie di orchidee, seppur affascinanti, assenti nelle nostre collezioni e non facili da trovarsi sui banchi dei venditori, una di queste è sicuramente Trichoglottis fasciata .

trichoglottis_fasciata_fiorFatto il preambolo cominciamo con questa spilungona, quella che per mostrarti un fiore deve salire verso il cielo oltre i due metri abbondanti: Trichoglottis fasciata (Benth. & Hook. f.) Rchb. f. 1872
Pubblicato in: Flora 55: 137 (1872).
Distribuzione : Cambogia, Laos, Thailandia, Vietnam, Borneo, Penisola Malaysia, Fillippine e Sumatra.
RBG, Kew non considera questo nome come valido, ma come un sinonimo di Staurochilus fasciatus (Rchb.f.) Ridl. J. Linn. Soc., Bot. Soc., Bot. 32: 351 (1896). 32: 351 (1896).
I fiori di questa specie sono deliziosi e profumatissimi, ma la pianta è ingombrante da morire.

trichoglottis_fasciata_2trichoglottis_fasciata_pianSiccome questa specie ama il caldo umido e la luce intensa, già è di impossibile coltivazione per i collezionisti delle nostre zone temperate, sprovvisti di serra capiente.
Altro discorso per i fortunati appassionati di orchidee che vivono in luoghi caldi ed umidi, questi possono tranquillamente acclimatare anche all’esterno la loro Trichoglottis fasciata facendola arrampicare su qualche albero, meglio se è una palma. Questa orchidea, oltre al caldo umido non chiede altro.
Si dirà allora – perché proibita? – proibita per l’appunto, in quanto facile da coltivare e per questo assai invadente, sia in altezza che in larghezza.
E’ un’orchidea a sviluppo monopodiale caratterizzata da un esteso apparato radicale lungo tutto il fusto vegetativo, fusto che crescerà velocemente ed il suo apice raggiungerà presto il tetto della serra.
Ciò nonostante so benissimo che nessuno di voi rifiuterà una mia divisione di questa orchidea, siete avvisati però: non lamentatevi se in futuro dovrete ampliare la vostra serra 😉
Giovanni Zalot di Feltre, fra le sue orchidee coltiva anche una divisione di questa specie (donatagli qualche tempo fa), nella sua piccola serra auto costruita (alta non più di 2 metri) e l’altro ieri, con orgoglio mi chiese – Guido, quando fiorirà? Fra due metri -risposi – mamma mia – esclamò Giovanni – dovrò farle anche il campanile!!??

Racconta le tue orchidee impossibili…

Cirrhopetalum eberhardtii

Fra le piante esposte nella mostra di Vigonza spiccava per bellezza e grandezza, un bel esemplare di Cirropetalum…
cirrhopetalum_eberhardtii_v … la pianta era sprovvista di nome, o meglio vista la mole e l’età dell’esemplare, il cartellino con il nome era da tempo sparito fra i suoi pseudobulbi e per questo motivo mi si è chiesto il nome di specie – Cirrhopetalum picturatum – risposi con qualche incertezza, memore di quanto già scritto a tal riguardo su questo blog.
Per la verità, il dubbio di non aver fatto scrivere il giusto nome di specie rimase, sia nella mia mente che nei pensieri di altri amici presenti (leggi su www.orchidcoltura.it). Rimane ancora il dubbio. Le prossime foto mostrano “entrambe” le specie, ma in molte descrizioni tassonomiche sono considerate un’unica specie con vari sinonimi.

cirrhopetalum_eberhardtii_p cirrhopetalum_eberhardtii_fcirrhopetalum_-picturatum

Non so che altro aggiungere, ad esempio leggi questa descrizione .. se continuiamo la ricerca alimentiamo solamente i dubbi.
Io propendo per considerarle due specie distinte, avendole entrambe in coltivazione, rilevo un costante e diverso periodo di fioritura: Cirrhopetalum picturatum fiorisce a fine inverno inizio primavera, mentre Cirrhopetalum eberhardtii verso la fine della stagione primaverile.

Le rose antiche di Davide

Prestigioso premio conquistato da Davide Dalla Libera, in occasione della rassegna internazionale delle rose tenutasi il 23.24.25 Maggio a Monza.

La foto è di Markus Brunsing (direttore del roseto di Baden-Baden-GERMANIA)
davide_med_oro_rosa Davide è un giovane ragazzo padovano, grande appassionato delle rose antiche, passione maturata con gli insegnamenti di Marino Orbolato, eclettico maestro del bello e delle rose. In fondo, noi amanti delle orchidee, se dobbiamo fare le “corna” alle nostre maliarde andiamo sicuramente a trovare le rose, profumate, effimere quel tanto che basta per farti sognare a maggio, ma anche sedutrici al punto da trasportarti con forza nel loro magico mondo fatto di passioni.
Complimenti per la prestigiosa medaglia d’oro di Davide.

Settebello, ma proprio bello bello!

E’ calato il sipario sulla tre giorni di Vigonza “Orchidee al castello, spontanee, coltivate e disegnate”, e con questo evento, Orchids Club Italia fa un bel settebello: sette esposizioni orchidofile organizzate e partecipate nei primi sei mesi del 2009.

epipactis_-gigantea Epipactis gigantea
Esemplare gigantesco di Daniele Doro, Segretario Nazionale del G.I.R.O.S e relatore alla conferenza sulle orchidee spontanee dei colli Berici.
Questa manifestazione dedicata in forma esclusiva alle orchidee, non prevedeva vendita e, per volontà dei curatori della mostra, doveva essere un “evento culturalmente puro”.
Le amiche e gli amici di Orchids Club Italia, giuntivigonza-121
numerosissimi all’appuntamento di Domenica, hanno più volte stigmatizzato l’assenza di premiazioni. Effettivamente, vista l’altissima qualità delle orchidee esposte – valutazione unanimemente sottolineata anche dai prestigiosi conferenzieri intervenuti – forse valeva la pena di immaginare qualche forma di giudizio, che d’altro canto è emerso spontaneamente dalle esclamazioni dei visitatori davanti all’esemplare dell’ Epipactis gigantea in foto.
Continua a leggere

MOSTRA DI VIGONZA… successo oltre le aspettative

All’inaugurazione, atmosfera d’altri tempi… e le orchidee gongolano!

vigonza_inglesi_800Esposizione deliziosa. Forse la migliore di questa prima parte dell’anno.
Coreografia impeccabile, orchidee belle e rare, oltre 100!!
Siamo veramente forti.
Il parco circostante ti dà quella piacevole sensazione di pace e l’austera costruzione del castello ti porta con la mente ad atmosfere di tempi andati.
No, non siamo nello Yorkshire. Siamo a Peraga, frazione di Vigonza, cittadina collocata a nord est di Padova.
Angela e Claudia, due ragazze in perfetto stile country inglese dipingono di colore la cerimonia di presentazione della mostra.

vigonza_mostra vigonza_mostra_1Intanto all’interno, in attesa dell’arrivo delle autorità, i nostri soci stanno godendosi in esclusiva la loro bella esposizione. Noi abbiamo dato una sbirciatina, così tanto per curiosare e per potervi mostrare una piccola anteprima. Domani presenteremo un bel servizio completo.

Comunicazione:
E’ confermato, Domenica siete tutti attesi alla mostra per un rilassante intermezzo luculliano (ore13) sul parco del castello… soci e non soci. Naturalmente come ormai consuetudine, Lucullo vi vuole ben riforniti di “peccati di gola”

Leggi anche il sito di Alberto

Alcune foto scattate il 22 Maggio

vigonza_ingresso_mostravigonza_ingresso_mostra_1vigonza_insieme_1

vigonza_insieme_2vigonza_insiema_gabbvigonza_catt_schiller

vigonza_asc_ampvigonza_bulbovigonza_paphio

vigonza_neofinethiavigonza_lokarthia … solo poche immagini di una rassegna davvero superlativa, la mostra rimarrà aperta fino a Domenica sera… vi consigliamo di non perderla, i vostri occhi e la vostra anima saranno ampiamente gratificati.