Maxillaria schunkeana: l’orchidea nera

Le orchidee con i fiori che tendono al colore nero sono sempre affascinanti e desiderate, misteriose e impossibili.

orchidea nera_fredclarkeara In natura sono poche le specie dai fiori fortemente scuri, ma gli ibridatori, ben consci dell’iteresse del collezionismo per le orchidee “nere” sono riusciti a creare incroci interessanti.
Nella foto a sinistra: Fredclarkeara After Dark.

L’argomento è di quelli che ti affascinano perché sta sempre a metà strada fra la realtà ed il mito. Nero Wolfe coltivava la sua “orchidea nera” nella serra a New York.
Nota con il nome popolare di “orchidea nera” è anche la
Coelogyne pandurata
, per la verità i fiori di questa orchidea, di nero hanno solamente alcune protuberanze sul labello.

Maxillaria schunkeana M.A. Campacci & R.A. Kautsky 1993.
Da qualche tempo nelle nostre collezioni si incontra una specie del genere Maxillaria che impressiona enormemente per il colore verosimilmente nero dei suoi fiori è la Maxillaria schunkeana, l’ennesima orchidea nera.

Il genere Maxillaria
Maxillaria Ruiz & Pav. (1794) è un genere di orchidee vasto e con morfologie molto diverse, per questo motivo molti orchidofili ritengono che l’attuale stato della tassonomia del genere Maxillaria, abbia bisogno di una profonda revisione.
Il nome scientifico è derivato dalla parola latina “maxilla” – mascella, dalla forma della colonna e della base del labello di alcune specie, che può evocare un mandibola sporgente. La specie tipo è Maxillaria ramosa Ruiz & Pavon 1794.

005Maxillaria schunkeana M.A. Campacci & R.A. Kautsky 1993 – “O gênero Maxillaria no Espírito Santo: uma nova espécie. Orquidário 7: 136–137.”
Sottofamiglia: Epidendroideae
Tribù: Maxillarieae
Sottotribù: Maxillariinae
Genere: Maxillaria Ruiz & Pav.
Specie originaria del Brasile, Stato di Espirito Santo costa atlantica foresta pluviale ad altitudini di 600 a 700 metri.

Maxillaria schunkeana propone un problema interessante. L’architettura vegetativa di questa specie assomiglia a quella del gruppo M. gracilis, poichè ha foglie esili e lanceolate. Tuttavia la morfologia del fiore è estremamente simile al complesso M. madida , poichè i fiori di M. schunkeana sono color vinaccia scuro, con il labello ed il pollinarium molto brillanti. Inoltre, ricerche molecolari preliminari evidenziano uno stretto collegamento della M. schunkeana con M. picta e M. marginata. Questa specie quindi, richiede ulteriori approfondimenti morfologici e molecolari per chiarire la sua posizione filogenetica.
Lo studio degli insetti pronubi delle varie specie di Maxillaria può contribuire a conoscere meglio l’intera tribù, a tal riguardo è interessante questo lavoro:
RODRIGO B. SINGER SAMANTHA KOEHLER

Note morfologiche
Pianta di piccole dimensioni, epifita a sviluppo simpodiale con pseudobulbi fusiformi e cilindrici dotati di 2 foglie apicali.
Le corte infiorescenze escono dalla base degli pseudobulbi maturi e producono fiori singoli di colore viola scuro tendente fortemente al nero.
In natura (Brasile) fiorisce in primavera estate, non è profumata.
Desidera temperature fresco-intermedie (minime 10-18) , buona luce, substrato sempre umido e ben drenato. Questa specie può essere coltivata sia in vaso con substrato di corteccia o di fibra arborea, ed anche su zattera.