Ophrys lacaitae

Un gioiello nella Magna Grecia


Nome scientifico : Ophrys lacaitae Lojacono.

Sinonimi : Ophrys fuciflora subspecie lacaitae
Nome volgare : Ofride di Lacaita

Habitat : Pascoli magri, garighe, cespuglieti radi, fino a 1300 m su suoli calcarei ed asciutti.
Periodo di fioritura : marzo-giugno

Il nome della specie ricorda il botanico inglese, di origine italiana, Charles Carmichael Lacaita (1853-1933)
l’Ophrys lacaitae appartiene al gruppo dell’ Ophrys fulciflora, fu descritta inizialmente come endemica siciliana successivamnete si trovarono areali di quest’orchidea nell’Italia centro-meridionale e Malta dove è stato ritrovato un unico esemplare.
L’areale di distribuzione di questa specie raggiunge il limite settentrionale del suo areale di distribuzione nei Monti Lepini.
E’ alta 15-40 centimetri l’infiorescenza ne contiene da 4 a 10; i fiori sono caratterizzati da sepali di colore bianco con qualche sfumatura verde, lanceolati, si presentano convessi e lievemente ricurvi al indietro. I petali sono corti stretti con l’apice ottuso, di colore biancoe un pò carnosetti.
Labello giallo, giallo chiaro di forma trapezoidale, convesso, glabro tranne nella parte basale e medio laterale di con all’interno una chiazza di colore marrone con una con un H lucida e alla base presenta una vistosa appendice rivolta in alto.
Questa specie la si può osservare da Aprile a Giugno a seconda dell’altitudine a cui ci si trova.
Se si vuole fotografare questa specie nei monti Iblei il periodo più indicato è la prima settimana di Aprile.
Gli areali più belli, dove la si può trovare insieme alla Ophrys oxyrrhynchos e alla bellissima Ophrys calliantha, si possono trovare nella valle dell’Anapo, suggestiva gola dove è possibile ammirare una delle più estese necropoli d’Europa.

2 pensieri su “Ophrys lacaitae

Rispondi a G. & C. I. Annulla risposta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.