Acianthera glumacea

Acianthera glumacea (Lindl.) Pridgeon & M.W. Chase (2001

Endemica nel sud-est del Brasile meridionale, vive su corteccia ruvida di muschio nelle foreste primarie ad altitudini di 1300 metri. Specie epifita miniatura da clima caldo a freddo con un ramicaul eretto che porta una singola foglia apicale, eretta, coriacea, oblanceolata, acuta, che si restringe gradualmente in basso. Fiorisce in primavera fino all’autunno, i fiori sono profumati e si aprono su infiorescenze da 4 a 9 fiori all’apice del ramicaul e può fiorire per diversi anni con nuova infiorescenza dallo stesso ramicaul.

Sinonimi: Acianthera glumacea (Lindl.) Pridgeon & M.W.Chase 2001; Humboldtia glumacea (Lindl.) Kuntze 1891; Pleurothallis alexandrae Schltr. 1922; Pleurothallis alexandrae Schltr. 1923; Pleurothallis crocea Barb.Rodr. 1881; Pleurothallis glaziovii Cogn. 1896; Pleurothallis vitellina Porsch 1905

Pubblicato in Orchids | Lascia un commento

Acianthera ochreata

Acianthera ochreata (Lindl.) Pridgeon & M.W.Chase

Sinonimo omotipico: Pleurothallis ochreata Lindl.

ORIGINE: Endemica negli stati brasiliani di Bahia e Minas Gerais in aree rocciose ad altitudini comprese tra 800 e 1550. Specie litofita di piccola taglia, a crescita da caldo a freddo con fusti cilindrici avvolti da guaine brunastre, tubolari, uniformi e portanti foglie lineari-lanceolate, carnose, rigide, conduplicate che possono fiorire in qualsiasi momento dell’anno su nuovi e vecchi pseudobulbi. Dimensione dei fiori 6 mm.

Sinonimi: Acianthera ochreata (Lindl.) Pridgeon & M.W.Chase 2001; Acianthera ochreata subsp. cylindrifolia (Borba & Semir) Borba 2003; Humboldtia ochreata (Lindl.) Kuntze 1891; Pleurothallis ochreata subsp. cylindrifolia Borba & Semir 2002

Pubblicato in Orchids | Lascia un commento

Stanhopea ruckeri

Stanhopea ruckeri :origine etimologica del nome di specie in onore di Rucker, Sigismund, (1809-75). Coltivatore di orchidee inglese. E’ una specie del genere Stanhopea. Questa specie è stata descritta da John Lindley nel 1843. Orchidea originaria del Messico in America Centrale, cresce sugli alberi delle foreste umide in Belize, Guatemala, Honduras, Golfo del Messico, Messico sud-est, Messico sud-ovest, Nicaragua ad altitudini di 200-1400 metri sul livello del mare.

 Specie epifita di medie dimensioni, da clima caldo intermedio, con pseudobulbi ovoidali, leggermente compressi lateralmente, solcati, lunghi 4-7 cm e larghi circa 4 cm portanti un’unica foglia all’apice. La foglia è apicale, nervata, plicata, ellittica, si restringe gradualmente inferiormente nella base allungata, picciolata, lunga 20-55 cm e larga 8-15 cm con periolo sottile, scanalato, lungo circa 5 cm. Stanhopea ruckeri fiorisce in estate/autunno da infiorescenze pendenti, racemose, lunge 20-35 cm di 4-7 vistosi fiori che sorgono su uno pseudobulbo maturo ed è sottesa da grandi brattee chartacee. I fiori sono leggermente profumati, di 10-14 cm di diametro; sepali e petali sono giallastri, verdastri o bianco crema, talvolta punteggiati di bruno rossastro; il labello è bianco, l’ipochilo è giallastro con grandi occhi marrone scuro.

Luce:  Stanhopea ruckeri necessita di un livello di luce filtrata e dispersa e le piante non vanno esposte direttamente al sole nelle ore pomeridiane. Le piante possono essere riluttanti a fiorire con luce insufficiente, ma con troppa luce le foglie tendono a bruciare e ingiallire. È necessario garantire sempre un forte movimento dell’aria.

Temperatura:  La temperatura media estiva è di 23-29 °C di giorno e di 14-18 °C di notte, con una differenza giornaliera di 8-11 °C. La temperatura media invernale è di 23-24 °C di giorno, 12-14 °C di notte, con un’ampiezza giornaliera di 9-11 °C.

Umidità: Stanhopa ruckeri ha bisogno di un’umidità di circa il 70-80% per la maggior parte dell’anno. L’aria troppo secca ha un effetto negativo sullo sviluppo della pianta: la sua crescita è inibita e le foglie iniziano a ingiallire e seccarsi. Maggiore è la temperatura, maggiore dovrebbe essere l’umidità e maggiore è l’umidità, più spesso e più a lungo è necessario ventilare la stanza in cui sono contenute le piante, altrimenti la probabilità di marcire e vari tipi di malattie fungine. Un buon movimento dell’aria è essenziale mentre le piante sono in foglia e crescono.

Substrato, substrati di coltivazione e rinvaso: Stanhopea ruckeri vengono solitamente coltivate su portainnesti o in cesti appesi, perché è necessario nel caso di infiorescenze pendenti che compaiono alla base dello pseudobulbo e crescono direttamente verso il basso. Sembra che le piante crescano meglio ed è più conveniente coltivarle se sono attaccate alle felci arboree. Le piante fisse, invece, richiedono un’elevata umidità e annaffiature almeno giornaliere in estate, e può essere necessario annaffiare anche più volte al giorno se il clima è secco e molto caldo.

 Queste orchidee vengono anche coltivate in cesti di filo metallico a maglie larghe ricoperte di muschio di sfagno e riempite con terreno sciolto e che si asciuga rapidamente. Il substrato deve rimanere umido, ma non può essere bagnato, perché le radici devono asciugarsi in tempi relativamente brevi dopo l’irrigazione. Il rinvaso o la divisione dovrebbe essere fatto quando inizia la crescita di nuove radici. Ciò consente alle piante di acclimatarsi in un tempo relativamente breve e fornisce loro il minimo stress.

Irrigazione: irrigare abbondantemente durante la crescita attiva, ma le sue radici devono asciugarsi rapidamente dopo l’irrigazione e il terreno intorno a loro non deve mai essere sparso o fradicio. Quando le nuove crescite raggiungono la maturità e la fioritura è terminata, la quantità di acqua dovrebbe essere drasticamente ridotta.

Fertilizzante: Durante la crescita attiva, la Stanhopea ruckeri va concimata ogni settimana 1/4-1/2 della dose raccomandata di fertilizzante per orchidee. Puoi usare fertilizzanti bilanciati durante tutto l’anno, ma puoi anche usare fertilizzanti con un contenuto di azoto maggiore dalla primavera a metà estate, quindi a fine estate e autunno, utilizzare un fertilizzante con un contenuto maggiore di fosforo.

Periodo di riposo: In inverno, le annaffiature dovrebbero essere limitate, ma non devono essere lasciate a lungo all’asciutto. L’appannamento occasionale tra annaffiature non comuni dovrebbe soddisfare i requisiti di queste piante durante la stagione di siccità. Per circa un mese in inverno, l’irrigazione dovrebbe essere limitata solo all’appannamento sporadico, che eviterà un’eccessiva essiccazione della pianta. La concimazione dovrebbe essere ridotta o eliminata fino a quando non compaiono nuove crescite in primavera e iniziano le annaffiature più abbondanti.

Pubblicato in Orchids | Lascia un commento

Pinalia spicata

Il genere:

Pinalia è uno dei più grandi generi polimorfici della famiglia delle Orchidaceae. Conta circa 404 specie in tutto il mondo (Royal Botanical Gardens, Kew 2003) divise in 13-17 sezioni con riferimento alla natura degli pseudobulbi e alla forma delle foglie (Seidenfaden, 1982; Pearce e Cribb, 2002). Il genere è diffuso nell’Asia tropicale, e si estende ad est in Nuova Guinea, Australia e Isole del Pacifico. Pinalia si caratterizza per i suoi piccoli fiori fitti; labello con lobi laterali e chiglie, piede di colonna scavato nella parte superiore, curvato di verso l’alto saldamente collegato al corto artiglio alla base del labello, senza a banda genicolata o articolazione distinta (Agrawala e Lal, 2012).

La specie:

Pinalia spicata è una pianta perenne epifita che cresce tra i 5 e i 25 cm di altezza.
La pianta viene raccolta in natura per l’uso locale come medicinale. Una pasta ricavata dallo stelo viene utilizzata per alleviare mal di stomaco e mal di testa. Origine etimologica del nome di specie, dal latino (spicatum) a forma di spiga o lisca di pesce delle infiorescenze. Pinalia spicata (D. Don) SC Chen & JJ Wood, FL. Cina 25: 354 (2009). Sinonimi; Eria spicata (D. Don) Hand.-Mazz., Symb. Peccato. 7: 1353(1936); Octomeria spicata D. Don. Prodr. fl. Nepal.: 31, 1825; Pinalia alba Buchanan-Hamilton ex D. Don, Prodr. fl. Nepal.: 31, 1825; Eria convallarioides Lindl. in Wall. Cat: 1975, 1829; Octomeria convallarioides Wall. In Lindl., lc. cit., 1830; Eria convallarioides var. major Lindl.in Bot. reg. 33: t. 63 (1847); e. salwinensis Hand.-Mazz., Symb. Sin.7: 1352, 1936.

Piante epifite, alte 23–30 cm. Pseudobulbi a ciuffo, compressi, inguainati da giovani, 3,5– 12 × 0,8–1,8 cm; guaine membranose, sovrapposte, ellittico-lanceolate, acute, 5–7 × 1,5–2 cm. Foglie 4–6, ellittico-lanceolate, da oblungo-lanceolate a oblanceolate, acute, subcoriacee, molte- venato, picciolato, 8–28 × 0,6–4,5 cm; picciolo scanalato, lungo 1,5–5 cm. Infiorescenza ascellare, decurvata, largamente cilindrica, molti fiori densi, glabro, 5–7 × 1–1,5 mm. Fiori subglobosi, bianco o paglierino chiaro, labello sfumato di giallo, colonna sfumata di rosso; pedicello e ovaio puberulente, lungo 2-4 mm. Sepali sub simili, in generale ovati, ottusi, 3–5 × 1,5–3,5 mm; sepali laterali concavi. Petali oblanceolati – oblunghi, divaricati, 3– 7 × 1,5–3 mm. Labello oscuramente trilobato, cuneiforme, concavo, apice subacuto, lungo 3 mm; disco privo di lamellare. Colonna snella, lunga 2–4,5 mm; piede incurvato. Frutto cilindrico-ovoidale, 5–9 × 5–6 mm (tavola 2; Fig. 2). Periodo di fioritura: marzo Abitudine: la specie è stata trovata a crescere sul tronco dell’albero ospite Garuga pinnata (Gaertn.) Roxb. Distribuzione: Bangladesh, India nord-orientale, Nepal, Myanmar, Cina e Thailandia.

Nota: leggi anche questo post:

Pubblicato in Orchids | Lascia un commento

Dipteranthus pellucidus

Dipteranthus pellucidus (Rchb.f.) Cogn. Pubblicato in: C.F.P.von Martius & auct. suc. (ed.). In: Fl. Bras. 3(6): 214. (1905). Sinonimo di Zygostates pellucida Rchb.f.

Specie epifita di piccole dimensioni, desidera temperature da serra calda. Dipteranthus pellucidus più comunemente noto come Zygostates pellucida, si trova in Brasile, vive sui rami degli alberi coperti di muschio e licheni con bulbi cilindrici portanti foglie colore verde oliva lunghe 5-7 cm.

Origine etimologica della specie in riferimento ai fiori abbastanza trasparenti in alcune loro parti. Fiorisce tendenzialmente in primavera estate, ma può fiorire in qualsiasi momento dell’anno. Lo stelo fiorale forma lunghi spruzzi di fiori verde limone e bianco perla. I fiori sono molto complessi; sepali bianchi scintillanti e petali con labello allungato verde limone, diviso a metà per lasciare il posto alle masse polliniche sottostanti. La fecondazione dei fiori è abbastanza difficile sia per l’estrazione delle masse polliniche dalla protezione dell’antera, e poi per capire dove depositarle.

Pubblicato in Orchids | Lascia un commento