Cattleya warneri o labiata?

by: Guido Orchids Nessun commento »

La primavera sta già finendo per lasciar posto al sole estivo e la serra comincia a sbuffare, quel bel ciuffo di fiori candidi, là in fondo sulla destra, attira l’attenzione tanto da cercare il cartellino per leggere il nome. Si legge Cattleya labiata ‘alba’, ma affiora già il primo dubbio: forse è la sua sorella Cattleya warneri o magari la Cattleya lobata (ex L. lobata). Questa deliziosa specie anche nella sua forma tipo rivaleggia e ricorda la sua sorella brasiliana a fioritura autunnale, Cattleya labiata. Se non fosse per la loro grande differenza nella stagione della fioritura, i fiori potrebbero facilmente essere scambiati fra loro.

 Le due principali specie  di Cattleya brasiliane a fiore grande, C. labiata  e  C. warneri hanno creato scompiglio nella tradizione botanica e orticola. Poche orchidee sono state oggetto di discussioni botaniche come C. warneri  e  C. labiata. La somiglianza di Cattleya warneri con C. labiata  ha sin dall’inizio creato disquisizioni fra i botanici del tempo.

Cattleya warneri var. aquinada

Il primo europeo a scoprire la C. warneri  fu il naturalista Dr. George Gardner, che lo trovò nella provincia brasiliana di Minas Gerais durante un viaggio alla fine degli anni ’30 dell’Ottocento. Ma Gardner non annunciò la sua scoperta come nuova specie era bensì convinto di aver riscoperto la perduta  C. labiata , così C. warneri  rimase nel limbo della nomenclatura per i successivi 25 anni. Nell’agosto del 1862, tutto questo cambiò quando Robert Warner, un importante coltivatore dell’epoca, dipinse e pubblicò quattro splendidi fiori sotto il nome di ” Cattleya warneri ” con allegata una descrizione botanica della nuova specie di MS Moore. Warner sottolineava nel testo che  C. warneri  doveva essere una nuova specie e non una  C. labiata , perché fioriva in un periodo dell’anno completamente diverso da  C. labiata .

Gli anni Ottanta dell’Ottocento, tuttavia, non furono così magnanimi con  C. warneri. James O’Brien in quegli anni, pur sostenendo l’idea che tutte le Cattleya a fiore grande erano specie a sé stanti e non sottospecie o varietà di  C. labiata l’unica pianta che lasciò sotto  C. labiata fu  C. warneri , che rimase  C. labiata  var. warneri  per nessun motivo apparente se non di provenienza brasiliana. Con il tempo, però,  C. warneri salì lentamente allo stesso rango delle altre  Cattleya a fiore grande , e oggi è accettata come specie distinta.

Cattleya warneri  ha diverse caratteristiche che la rendono diversa da  C. labiata. Cattleya warneri  ha pseudobulbi più corti e robusti rispetto a  C. labiata  e produce una pianta più compatta. Le foglie di  C. warneri  sono più larghe di quelle di  C. labiata e, sebbene abbiano entrambe le caratteristiche guaine doppie, lavori recenti di Érico de Freitas Machado in Brasile suggeriscono che le doppie guaine potrebbero non essere realmente le stesse.

La differenza più ovvia tra le specie, ovviamente, è quella a cui alludeva Robert Warner nella sua descrizione originale nel 1862: la loro diversa stagione di fioritura. Cattleya warneri  fiorisce in primavera (fine maggio e giugno), mentre  C. labiata fiorisce in autunno (da settembre a novembre). Le due specie fanno anche nuove crescite in diversi periodi dell’anno:  C. warneri  in autunno e inverno e  C. labiata  in primavera e in estate. Inoltre, radicano in momenti diversi del loro ciclo di crescita, uno prima della fioritura, l’altro dopo la fioritura. (Rogerson;  Orchid Digest  68-4, pg 203) Queste differenze nei periodi di crescita, radicazione e fioritura esistono anche quando  C. labiata e  C. warneri  vengono coltivati ??fianco a fianco sullo stesso bancale nella stessa serra, quindi sono legati alle piante e non da fattori ambientali o regionali.

La maggior parte delle C. warneri  alba producono fiori più piccoli di quelli della forma lavanda. Nelle collezioni attuali è disponibile una C. warneri alba fiorifera e facile da coltivare, ma ha petali e sepali stretti che possono piegarsi all’indietro quando sono completamente aperti.

Sebbene  C. warneri  sia stata sempre presente dopo la sua introduzione negli anni ’60 dell’Ottocento, non è mai stata abbondante. Linden non ha incluso una foto di  C. warneri  nel suo famoso libro  Lindenia  perché non aveva molte piante da vendere e  C. warneri  non è mai stato un fattore significativo nel mercato dei fiori recisi degli anni ’30, ’40 e ’50 negli Stati Uniti Stati. Storicamente Cattleya warneri è stata coltivata come una pianta da esposizione e ibridazione.

C. Lady Veitch ‘Superbissima’ ( C. lueddemanniana f. alba x C. warneri f. alba ) – enormi fiori bianchi con petali sovrapposti
C. Lady Veitch FCC/RHS (1915)
C. Lady Veitch ‘Stonehurst’ AM/RHS (1928)
C.  Myra Peters alba ( C. warneri f. alba  x  C.  gaskelliana f. alba )
C.  Dupreana ( C.  warneri  x  C.  warscewiczii )
C.  Cometa ( C.  warneri  x  C.  dowiana )

Quando  C. warneri  fu esposta per la prima volta a una riunione della Royal Horticultural Society nel 1860, ricevette una medaglia d’argento con la notevole citazione che il premio era stato assegnato “come segno della stima e dell’ammirazione con cui era stato acclamato il suo aspetto”. Nessun’altra   specie Cattleya ha mai ricevuto un tale complimento. Fortunatamente, dopo 145 anni,  C. warneri  è ancora con noi per aggiungere luminosità e colore alle nostre lunghe giornate di giugno.

Sebbene  C. warneri  non sia una specie difficile da coltivare, desidera particolari attenzioni. Cresce e si sviluppa durante i mesi invernali, quando la maggior parte delle altre Cattleya  è inattiva. Per questo motivo, a volte è difficile dargli le migliori condizioni di crescita. Come la maggior parte delle altre  CattleyaC. warneri ha  bisogno di un’atmosfera calda e umida durante la crescita e può essere difficile da fornire in inverno in una serra quando il sole è basso e la temperatura esterna è ben al di sotto dello zero. Ciò è aggravato dal problema che la maggior parte delle altre specie di Cattleya  preferisce condizioni più fresche e asciutte in armonia con la loro dormienza invernale. Dal momento che  C. warneri tollererà meno delle migliori condizioni e produrrà comunque una crescita soddisfacente, di solito può essere coltivata con le altre  specie di Cattleya  se la metti nella parte più calda e soleggiata della serra in inverno.

Come tutte le   specie  Cattleya, si consiglia di annaffiare accuratamente C. warneri e poi lasciarla asciugare completamente prima di annaffiarla nuovamente. Rinvasare  C. warneri  solo quando inizia a emettere un flusso di nuove radici e preferibilmente durante i caldi mesi estivi.

Angraecum florulentum

by: Guido Orchids Nessun commento »

Angraecum florulentum noto anche con l’epiteto popolare “Facile da fiorire” o con il sinonimo Pseudojumellea florulenta, è una specie del genere Angraecum. Questa specie è stata descritta da Heinrich Gustav Reichenbach nel 1885.

Angraecum florulentum collezione rio Parnasso, le orchidee di guido

Angraecum florulentum Rchb.f., Gard. Cron., ns., 23: 787 (1885). Sinonimi omotipici: Pseudojumellea florulenta (Rchb.f.) Szlach., Mytnik & Grochocka, Biodivers. ris. Conservazione 29: 21 (2013). Descrizione: Fusti lunghi 15-25 cm e più, compressi (5-6 mm di larghezza) e sinuosi; guaine fogliari fortemente rugose trasversalmente. Foglie numerose, distiche, distanti generalmente 1 cm, loriformi (4,5-7 x 1-1,5 cm), leggermente attenuate dal centro verso le due estremità, disugualmente bilobate-ottuse apicalmente. Infiorescenza dalle guaine 2-4 fiorite; peduncolo lungo 10-15 mm, ricoperto basalmente da 2-3 guaine molto corte, la più lunga delle quali è lunga 5 mm; brattee lasse, largamente ovale-ottuse (6 x 5 mm al massimo), pari a circa un terzo della lunghezza degli internodi del rachide; fiori bianchi, molto grandi (divisioni lunghe 20-24 mm). Sepali lanceolati, molto più larghi (6-8 mm) nel quinto basale, attenuato-acuti all’apice. Petali simili. Labello abbracciante la colonna basalmente, della stessa forma e dimensioni del sepalo mediano, ma molto più concavo, attenuato-acuto dalla base all’apice; sperone filiforme, lungo 9-10 cm, attenuato dall’orifacio all’apice. Colonna corta, più spessa che alta; padiglioni auricolari sottoquadrati, angoli anteriori più pronunciati degli angoli posteriori; con un solo piccolissimo dente nell’incavo del rostello. Antera depressa, provvista iii anteriore di una lingua stretta con 2 denti acuti laterali; pollina (secondo Finet) semiobovata, sessile con un unico retinacolo comune, provvista di 2 larghe ali laterali. pedicello sottile, lungo 3-3,5 cm. Capsula lunga 27-30 mm e larga 8-10 mm, con 6 bordi sporgenti, leggermente verrucosi. Habitat: L’Angraecum florulentum è endemico delle Isole Comore, dove cresce epifita sui tronchi degli alberi e nella macchia ad altitudini comprese tra 600 e 1.000 metri. In natura cresce in condizioni di luce abbastanza intensa e può tollerare una notevole siccità, sebbene le Isole Comore ricevano forti piogge annuali. La località precisa menzionata per Angraecum florulentum è la Foresta Combani sull’isola di Grande Comore. Fiorisce lì a dicembre. Coltivazione: Questa è una specie di piccole dimensioni assolutamente affascinante. Una pianta adulta misurerà fino a 40 cm di altezza, ma solo se adeguatamente sostenuto, poiché la sua abitudine naturale è che gli steli e i rami diventino pendenti. Tuttavia, sarebbe ugualmente delizioso se i suoi numerosi rami potessero pendere dai lati del vaso. Gli spruzzi di fiori a cascata si formano in graziosi gruppi e i sepali e i petali curvi con gli speroni che si inarcano verso il basso contribuiscono tutti a uno spettacolo unico e scintillante. Il loro aspetto è piuttosto delicato, con una notevole curvatura sia dei petali che dei sepali. Il profumo di questa specie è molto gradevole e abbastanza inebriante. Distribuzione: Comore (Njazidja). Notizie tratte dal sito African orchids.

Note di coltivazione

 Angraecum florulentum è endemico delle Isole Comore, dove cresce epifita sui tronchi degli alberi e nella macchia ad altitudini comprese tra 600 e 1000 metri. In natura cresce in condizioni di luce abbastanza intensa e può tollerare una notevole siccità, sebbene le Isole Comore ricevano forti piogge annuali. È un’epifita a sviluppo monopodiale di piccole dimensioni, a crescita calda, con fusti corti, appiattiti, sinuosi e ramificati che portano numerose foglie distiche, strettamente lanceolate,  fiorisce in primavera da una breve infiorescenza e emano un delicato profumo notturno. I fiori sono bianchi, molto grandi rispetto alle dimensioni della pianta.

 Angraecum florulentum desidera luce filtrata o diffusa e le piante non devono essere esposte al sole diretto di mezzogiorno. Deve essere garantito un forte movimento dell’aria in ogni momento. Temperatura:  La temperatura dei giorni estivi è in media di 26°C, e quella notturna di 19-21°C, con un’escursione termica diurna di 6-7°C. Umidità: Angraecum florulentum necessita di un’umidità media dell’80-85% per la maggior parte dell’anno, che scende a quasi il 75% per un mese circa in inverno. Substrato di rinvaso: Angraecum florulentum può essere coltivato in contenitori ben drenati o montato su lastre di felci arboree. Se è difficile mantenere le piante montate sufficientemente umide, possono essere coltivate in un vaso poco profondo o in un cesto riempito con un terreno molto drenante. Generalmente si usa corteccia di abete di medie dimensioni o fibra di felce arborea sminuzzata con l’aggiunta di quantità variabili di perlite grossa e/o muschio di sfagno tritato. Il rinvaso dovrebbe essere fatto proprio quando nuove radici iniziano a crescere. Ciò consente alla pianta di riprendersi nel più breve tempo possibile. Irrigazione: Le precipitazioni nell’habitat sono abbondanti per la maggior parte dell’anno, con un periodo un po’ più secco per circa 2 mesi all’inizio della primavera. Le piante coltivate dovrebbero essere annaffiate abbondantemente mentre crescono attivamente, ma le radici devono avere una buona aerazione. L’acqua dovrebbe essere leggermente ridotta quando le piante non stanno crescendo attivamente, evitando improvvide disidratazioni. Fertilizzante: concime equilibrato con frequenza settimanale quando le piante stanno crescendo attivamente. Usare un fertilizzante ad alto contenuto di azoto dalla primavera a metà estate, quindi passare a uno ad alto contenuto di fosfati a fine estate e autunno.

 

Bifrenaria harrisoniae

by: Guido Orchids Nessun commento »


Bifrenaria. harrisoniae è una specie brasiliana trovata su scogliere rocciose nei pressi di Rio De Janeiro rivolte a est a 200-800 metri di altitudine.

Etimologia del genere:

Tribù: Maxillarieae
Sottostribù: Bifrenariinae Genere: Bifrenaria

Bifrenaria Lindl. Genere descritto per la prima volta nel 1832. Ha presentato enigmi tassonomici con alcune specie recentemente trasferite in Rudolfiella, Coelia, Lacaena, Stenocoryne e Teuscheria . Il nome di questo genere deriva dal latino: bi (due); e freno a frenulo o striscia; riferendosi ai due fusti simili a strisce, steli che uniscono i pollini e le viscide .

Foto tratta dal web

Le piante crescono esposte al sole e al vento ma le loro radici le ancorano saldamente penetrando fessure nella parete rocciosa.

Bifrenaria harrisoniae porta vari sinonimi, specie descritta da Heinrich Gustav Reichenbach nel 1855. Origine etimologica della specie: in onore di Mrs. Arnold Harrison, appassionata di orchidee inglese del 1800.

È un’epifita di medie dimensioni, o occasionalmente litofita da clima caldo. Raggiunge i 20-40 cm di altezza, con pseudobulbi largamente ovoidali, angolati, profondamente solcati, alti 5-9 cm. con una singola foglia, apicale, ellittica-oblunga, suberetta, subacuta o ottusa, a tessitura sottile, plicata, lunga 15-25 cm e larga 10 cm.
Bifrenaria harrisoniae nell’emisfero settentrionale fiorisce in primavera formando infiorescenze bratteate che trasportano fino a 2 fiori profumati che sorgono sul pseudobulbo più recente spesso con due infiorescenze su ciascuno. I fiori lunghi 6-8 centimetri hanno una superficie cerosa, sono persistenti con un forte aroma. I fiori sono generalmente bianchi, ma possono anche essere giallastri o giallo-verdastri. Il grande labello è a tre lobi, coperto di peli, viola scuro o rosso-marrone, con venature più scure.

Bifrenaria harrisoniae pianta: collezione rio Parnasso 20.04.20

CURA E COLTURA DELLA SPECIE Luce:
Bifrenaria harrisoniae necessita di un livello di luce di 30000-45000 lux. Poiché crescono sulle scogliere esposte ad est, è consigliabile avere l’ombra al mattino e il sole pieno nel pomeriggio.
Temperatura:
 Bifrenaria harrisoniae è una pianta termofila (ama temperature calde). La temperatura media nelle giornate estive è di 25-27 ° C, la notte è di 19-20 ° C. In inverno, la temperatura media diurna è di 21-22 ° C, mentre di notte 14-16 ° C.
Umidità:
Bifrenaria harrisoniae ha bisogno di umidità del 75-80% durante tutto l’anno. Substrato, supporti e rinvaso:
Bifrenaria harrisoniae cresce bene anche su zattere o cestini traforati, purchè sia garantita un’alta umidità e frequenti bagnature.
 Alle piante adulte non piacciono i cambiamenti, quindi in caso di coltivazione in vaso il rinvaso dovrebbe avvenire solo quando è necessario e solo quando iniziano a crescere nuove radici.
Bagnature:
 Durante il periodo di crescita, le piante richiedono annaffiature moderate, le nuove foglie non dovrebbero essere bagnate, perché marciscono molto facilmente. Fertilizzante:
Durante il periodo di forte crescita, le piante dovrebbero essere concimate ogni settimana con dosaggi ridotti rispetto alle dosi di eticchetta di fertilizzante equilibrato 20-20-20. Con la comparsa di nuove vegetazioni, usare fertilizzanti con un contenuto di azoto inferiore e un fosforo più elevato, allo scopo di favorire la maturazionei prima dell’inverno e stimoli la fioritura nella stagione successiva.
 Periodo di riposo:
Durante i 2 mesi invernali, l’irrigazione dovrebbe essere limitata alla spruzzatura o all’irrigazione leggera, e la fertilizzazione dovrebbe essere eliminata. Quando inizia una nuova crescita, l’irrigazione e la fertilizzazione normali vengono gradualmente ripristinate. In inverno, gli pseudobulbi dovrebbero restringersi e persino asciugarsi un po’.

Numero di s

Bulbophyllum nymphopolitanum Kraenzl. 1916

by: Guido Orchids Nessun commento »
Bulbophyllum nymphopolitanum: collezione rio Parnasso.
Bulbophyllum nymphopolitanum: collezione rio Parnasso.

Bulbophyllum nymphopolitanum Kraenzl. 1916 -Ann. Nat. Hofmus. Wien xxx. 60 (1916).
Origine etimologica del nome di specie: nominato da Kränzlin in onore della città di Nymphenburg (in latino Nymphopolis), sede del Giardino Botanico dell’Università di Monaco (Monaco di Baviera), Germania, dove ha trovato la pianta per la descrizione, originariamente raccolta sulle pendici del vulcano Mayon, nel sud Luzon.

Bulbophyllum nymphopolitanum: collezione rio Parnasso.

ORIGINE / HABITAT: Filippine. Questa orchidea è stata trovata sull’isola di Panay nelle province di Antique e Capiz; su Luzon nelle province di Rizal, Sorsogon, e Zambales; su Leyte e Sibuyan, nelle foreste a circa 500 – 1000 m di altitudine.

Specie di piccole dimensioni, da clima caldo umido, epifita e occasionalmente litofita, pseudobulbi ovoidali con foglia singola, apicale, coriacea.
Fioritura primaverile con fiori dall’odore sgradevole. Se entrando in serra senti un “odore strano”, il colpevole è questa affascinante specie di orchidea delle Filippine. Ogni volta che Bulbophyllum nymphopolitanum fiorisce, quell’odore invade l’ambiente circostante. La maggior parte degli amici orchidofili lo descrivono come cacca di cavallo, ma peggio, e penso che odori più come cacca di rinoceronte, circostanza frutto di un aspetto evolutivo impressionante, attivato per ingannare ogni volta le sue mosche impollinatrici.

Bulbophyllum nymphopolitanum: collezione rio Parnasso.

NOTE TASSONOMICHE:
Specie a volte citata come sinonimo di Bulbophyllum trigonosepalum e Bulbophyllum levanae, per altro molto simili fra loro, comunque, B. levanae ha la precedenza, essendo il nome rgistrato per primo. All’evidenza sono tutte legate all’interno del cosiddetto complesso B. nymphopolitanum, B. mearnsii, B. papulosum, B. recurvilabre, B. trigonosepalum, B. levanae, B. basisetum e B. giganteum.

Bulbophyllum gamblei (Hook.f.) Hook.f.1890

by: Guido Orchids Nessun commento »

Questa è una pianta della sezione Cirrhopetalum e c’è stata molta confusione su questa specie nel corso degli anni con Bulbophyllum fischer. Se la pianta ha fiori triangolari invece dei fiori allungati longitudinalmente della Sezione Cirrhopetalum, allora è Bulbophyllum gamblei [Hkr] Hkr 1890.

Specie endemica nell’Himalaya orientale, Bhutan, Sikkim e Assam India in foreste fluviali, vive su rocce e alberi ad altitudini comprese tra 1800 e 2800 metri come epifita o litofita di piccole dimensioni. Porta una singola foglia apicale lanceolato-ovata. La specie fiorisce in tarda primavera e all’inizio dell’estate su una infiorescenza lunga e umbellata che porta alcuni fiori tenuti tra le foglie.

Questa specie desidera climi freschi e vive bene su cesti o zattere in ombra parziale, abbondante acqua e un po’ di movimento d’aria per crescere bene.

Foto tratta dal web

Origine del nome di specie (gamblei): in onore di James Sykes Gamble (2 luglio 1847 – 16 ottobre 1925) è stato un botanico inglese specializzato nella flora del sub continente indiano ; divenne Direttore della British Imperial Forest School e membro della Royal Society. Sinonimi: Bulbophyllum gamblei Hook. f. 1911; Bulbophyllum leptanthum var. gamblei Hook.f. 1890;

WP Theme & Icons by N.Design Studio
Entries RSS Comments RSS Accedi