Cirrhopetalum picturatum: esemplare in fiore

Cirrhopetalum picturatum “Villa Franchetti” MO – AIO 97 collezione Guido De Vidi

Purtroppo e per motivi non sempre comprensibili e non sempre casuali, botanici e tassonomi si dilettano a rinominare specie di orchideee già registrate e descritte da altri colleghi. L’evoluzione della scienza dimostra che talvolta, risistemare generi e specie di orchidee è cosa utile, ma il più delle volte sarebbe più conveniente lasciare le cose come stanno.

Collezione Guido De Vidi – inizio fioritura, primi giorni di Aprile – foto 29 Maggio 2004 – diritti riservati
Cirrhopetalum picturatum Lindley 1840

Le vittime inconsapevoli siamo sempre noi collezionisti. Spesso, presi dalla foga del possesso di una nuova specie, ci troviamo ad acquistare le stesse specie con nomi diversi.

Nella mia collezione, da molti anni è presente Cirrhopetalum picturatum e come si può vedere dalle foto a fianco, la specie è già diventata un esemplare notevole e, fra l’altro, premiata anche con MO/AIO alla mostra di Villa Franchetti (Preganziol TV nel 1997).

L’incauto acquisto
L’altro anno in fiera a Pordenone…affascinato e tratto in inganno dal nome inusuale (Cirrhopetalum eberhardtii) di una pianta messa in vendita al nostro mercatino degli scambi, senza preoccuparmi di consultare qualche testo dei sinonimi me lo sono acquistato.
Bulbophyllum eberhardtii ( Gagnep. ) Seidenf. 1992
Con mia sorpresa alla prima fioritura ho scoperto che – Cirrhopetalum picturatum e Cirrhopetalum eberhardtii – sono due diverse classificazioni della stessa specie: la foto a sinistra e questa scheda su www.orchidspecie.com ne sono la prova.
Unica consolazione è che il mio inconsapevole errore lo hanno commesso anche quei botanici che nel 1941 descrissero e rinominarono un’ orchidea già classificata un secolo prima.

3 pensieri riguardo “Cirrhopetalum picturatum: esemplare in fiore”

Ciao! Che ne pensi?