Laelie rupicole… eterno dilemma

Ciclicamente si parla di miniature ed ogni qual volta questo accade è quasi impossibile che le Laelie rupicole non vengano tirate in ballo.
C’è chi sconsiglia vivamente la loro coltivazione a chi non sia in possesso di una serra, altri ne sconsigliano vivamente la coltivazione a priori ed altri invece le reputano non più difficili di altre.
Navigando in rete ho trovato e tradotto un articolo che forse alcuni già conoscono e che in sostanza è una sintesi di esperienze di coltivazione e articoli apparsi sui bollettini dell’AOS.
L’articolo non sarà forse molto scorrevole da leggere ma la cosa è un po’ voluta al fine di essere il più possibile rispettosa del testo originale.

Eccovi l’articolo:

La coltura delle Laelie rupicole

Se chiedete a qualche coltivatore come coltivare le Laelie rupicole del Brasile, siete sicuri di ascoltare storie di fallimenti. E’ ironico, perché, comparata alle altre miniature quali le pleurothallidi, queste ultime sono notevolmente più difficili. La loro dimensione salva spazio ed il loro fiori coloriti le rendono degne di essere coltivate. Come per la coltivazione delle altre orchidee, è facile quando si sa quello di cui la pianta ha bisogno. Anche se la sperimentazione può essere richiesta in base alle vostre condizioni di coltivazione, è d’aiuto avere un punto di partenza.

Il requisito culturale più comune che vi sentirete dire per quanto riguarda queste Laelie è, “ha bisogno di abbondanza di luce per fiorire. Si svilupperanno bene nelle condizioni normali delle Cattleye, ma potreste non vedere mai un fiore”. Questo mito è probabilmente dovuto all’ambiente duro in cui si sviluppano in natura; spesso sugli affioramenti rocciosi in pieno sole con nient’altro che le erbe e detriti a proteggere le piante e di notte foschia come fonte principale di umidità.

Luce Stiamo provando a dare alle nostre orchidee la migliore coltura e, come con altri generi, non è sempre necessario (o consigliabile) duplicare la natura. Nel bollettino del AOS del maggio 1990, James Nickou ha segnalato, “ho trovato che (Laelie rupicole) fioriranno con i livelli di luminosità sufficienti per la maggior parte degli ibridi standard di Cattleya. Se coltivate in pieno sole potrebbero anche morire.” Continua dicendo che i coltivatori sotto luce artificiale dovrebbero disporle vicino ai tubi per la massima esposizione . So di coltivatori attendibili che fanno fiorire queste specie nel nuvoloso Oregon. In Florida del sud, le appendiamo in luogo alto e luminoso ma non al sole diretto e non ricevono tutto il giorno luce intensa. Si sviluppano vigorose e fioriscono puntualmente malgrado lo svantaggio di avere alte temperature di notte. Queste orchidee vengono dalle zone montagnose e traggono beneficio da un calo della temperatura nella notte.

Le Laelie rupicole sono spesso timide produttrici di radici e le piante importate con radice nuda sono lente a ristabilire. Se avete ripetutamente problemi a far si che queste Laelie partano, cercate i semenzai propagati artificialmente piuttosto che le piante mature. Lo sviluppo costante dei semenzai è spesso una soluzione per ristabilire specie che sarebbero altrimenti per noi coltivazioni marginali. Poiché queste piante risentono di essere disturbate, evitate il rinvaso ogni anno. Quando dovete rinvasare, siate delicati con la potatura delle radici, tagliando via soltanto quelle radici che sono guaste o morte.

Media Anche se ho visto gente sviluppare con successo le Laelie rupicole su zattere (innaffiate ogni giorno) e nei substrati organici quali felce arborea, la corteccia di abete e perfino il muschio di sfagno, i mezzi inorganici sono con largo margine la scelta migliore . Nickou ha suggerito la ghiaia classificata per acquario del formato circa dei piselli. Altri prodotti quali argilla espansa, Aliflor, Turface, roccia spugnosa, Solite, pietra pomice e carbone di legna fine, ecc., possono anche essere buone scelte. Nel passato, ho provato la ghiaia e la ghiaia mescolate con felce arborea ed ho avuto soltanto un successo moderato; le piante si sono sviluppate, ma lentamente. Ora mi sono fermato su una combinazione di roccia lavica rossa e dei grani di Aliflor di piccola taglia ed ho avuto risultati meravigliosi.

null
roccia lavica a sinistra, Aliflor destra

La roccia lavica più grossa è disposta nella parte inferiore del vaso ed il riempimento è fatto con l’Aliflor più fine. Il formato più uniforme dell’Aliflor della parte superiore permette che le orchidee vengano sistemate più facilmente. Più grandi sono le piante (L. cinnabarina, L. rupestris, L. angereri, etc.) più va utilizzata la roccia lavica, mentre per le piante più piccole (L. esalqueana, L. reginae, L. liliputiana, etc.) utilizzare l’Aliflor più fine in quantità maggiore.

Il fatto che queste orchidee non gradiscano essere disturbate non significa che dobbiate lasciarle svasare; è raramente necessario un vaso più grande di 13 cm, gli 8 cm sono giusti per la maggior parte delle specie piccole. L’argilla sembra preferibile alla plastica; concede più aria alle radici e l’evaporazione dell’ umidità dall’argilla fornisce un ambiente più fresco per le radici durante l’estate calda. Dovrete prendere questa decisione basata sul vostro stile di coltivazione ed abitudini d’innaffiamento. Va bene se le piante aderiscono al bordo del vaso, poiché i rizomi corti portano a sviluppo compatto. Un vantaggio importante usando i mezzi inorganici è che non deteriorano. Quando giunge il momento del rinvaso, non è necessario rimuovere ogni parte del vecchio substrato; lasciate tutti i pezzi di materiale che aderiscono alle radici. In effetti, alcuni coltivatori spostano la pianta, la roccia lavica e tutto nel nuovo vaso e semplicemente riempiono con substrato fresco. La regola pratica migliore per queste orchidee è di rinvasare soltanto se necessario e farlo in modo da causare il trauma minimo alla pianta.

Annaffiature Anche se in natura queste piante possono vivere per mesi senza altra umidità che la rugiada portata dalle nubi che scendono di notte dalle montagne, nella coltura hanno bisogno di un’ampio rifornimento di acqua. Non fate l’errore di curarle come xerophyte. Nella maggior parte delle situazioni, probabilmente dovrete innaffiare le Laelie rupicole due o tre volte la settimana. Formula magica, luce più bassa o luce artificiale ed i vasi di plastica richiederanno meno acqua. Crescendo all’aperto in una serretta ombreggiata in Florida del sud in vaso dagli 8 ai 13 cm usando la roccia lavica ed Aliflor, solitamente innaffiamo tre volte un la settimana e fertilizzando ogni quattro giorni durante lo sviluppo. Ricevono alte temperature, saluce intensa ed molta ventilazione. Abbiamo ventilatori che funzionano nella serretta ombreggiata 24 ore al giorno durante i mesi caldi. La maggior parte di noi innaffieranno queste piante con tutto il resto. Tuttavia, Francisco Miranda, un esperto sui orchidee native del Brasile, suggerisce il loro innaffiamento nel tardo pomeriggio come tentativo di imitare la natura che le innaffia la sera. Per lo meno un coltivatore con cui ho parlato ha avuto risultati migliori con questa tecnica. Siate sicuri di fornire ventilazione sufficiente per impedire la putrefazione e tentare l’innaffiamento notturno soltanto su una basi comprovate.

Fertilizzazione Il fertilizzante sembra essere considerato di meno che con altre orchidee; le Laelie rupicole si svilupperanno e fioriranno senza esso. In verità, troppo fertilizzante può essere più nocivo che troppo poco. Il motivo per cui alcuni coltivatori preferiscano la ghiaia liscia alla roccia lavica bucata è per evitare l’accumulazione del sale del fertilizzante, al quale queste Laelie sembrano essere sensibili. Se usate un substrato semi-poroso, siate sicuri mensilmente di irrigare copiosamente con acqua pulita per impedire potenziali problemi.

Questo gruppo di orchidee è adattabile ad una larga gamma di temperatura e umidità e si svilupperà felicemente nelle stesse condizioni del resto delle vostre Cattleye ed Oncidium. Una differenza significativa di temperatura giorno-notte può facilitare la produzione di fiori ma questo ancora non è stato dimostrato. Alle nostre, nella Florida del sud piena di umidità, fa bene . La natura robusta di queste piccole Laelie le rende indesiderabili alla maggior parte dei parassiti occasionali, con squame, alla cocciniglia cotonosa ed alla cocciniglia scudata che sono le minacce più grandi. Come le encyclie, gli pseudobulbi strettamente raggruppati delle Laelie rupicule creano una zona nascosta ideale per queste minacce e possono essere difficili da sradicare quando infine vengono scoperte. Se siete inclini agli attacchi da parte di questi insetti parassiti, osservate abitualmente fra gli pseudobulbi per notare i segni rivelatori quali batuffolini biancastri (cocciniglia cotonosa) o simil-conchiglie con scaglie corazzate e trattare con un antiparassitario adatto.

Le Laelie rupicole brasiliane non sono soggetti difficili. Come per tutte le orchidee, coltivatele fornendo loro semplicemente circostanze accettabili. Ora che conoscete quali sono quelle circostanze , provatene alcune. La loro abitudine di sviluppo compatta e i fiori variopinti le rendono un’aggiunta proficua a tutte le collezioni di orchidee.

Crediti:
per gentile concessione di Greg Allikas http://www.orchidworks.com sito anche in italiano con tantissime belle foto.

Francisco E. Miranda tassonomista americano nativo del Brasile specializzato in specie laeliinae Brasiliane (Laelie e Cattleye)
James Nickou

Prossimo articolo:Come rinvasare le Laelie rupicole

6 pensieri su “Laelie rupicole… eterno dilemma

  1. anke senza andarsi alla ricerca dei materiali + impensabili le rupicole crescono bene con ghiaino d quarzo, pomice e lapillo con una spolverata d vermiculite… ho in fiore la liliputana e a breve c’è la presunta angererii… sono un po’ rognosette ma nn + d tnt altre piante… pensa che una mantiquerae d 2 bulbi senza radici dopo un po’ d mesi mi sta facendo un getto!!!

  2. Daniel, perchè non vieni a Carceri al Meeting delle carnivore…un pezzettino di L. lundii EOC 2006 per gli amici c’è sempre! 🙂

    …bello l’articolo, ho dato una letta tutta d’un fiato, ma lo devo rileggere con attenzione perchè è veramente dissacrante…alla faccia dei meghetti!

  3. Me lo sono letto con gusto.In fin dei conti non sono poi cosi’ inarrivabili come molti dicono e un certo signore con una Laelia Lundii ha vinto parecchio all’EOC….vero Guido,ne sai qualcosa?Vorrei tanto provare a coltivarne una ma non le trovo….peccato.Bell’articolo,come sempre.

Ciao! Che ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.