Haraella retrocalla, una miniatura generosa

Queste orchidee in miniatura, la pianta non misura più di 5 cm., fanno parte della mia modesta collezione dal febbraio dello scorso anno quando il simpatico amico d’oltre oceano Dennis D’Alessandro me ne regalò tre, da allora due piante sono rimaste con me ed una è entrata a far parte della collezione di Guido.
L’ho definita generosa non solo per le fioriture che sono sempre puntuali, ma anche per lo sviluppo della pianta; una delle due ha emesso due steli fiorali mentre l’altra ha sviluppato due nuove piantine, ne ha “in cantiere” una terza, e le due nuove piantine originate dalla “pianta madre” hanno già emesso lo stelo fiorale.

foto e collezione Massimo Morandin – diritti riservati
Haraella retrocalla
Tassonomia

Haraella retrocalla (Hayata) Kudô, J. Soc. Trop. Agric. 2: 27 (1930).

La specie è cosi classificata:

Dominio: Eukaryota.
Regno: Viridiplantae.
Phylum: Streptophyta, Streptophytina, Embryophyta, Tracheophyta, Euphyllophyta, Spermatophyta, Magnoliophyta.
Classe: Liliopsida.
Ordine: Asparagales.
Famiglia: Orchidaceae.
Sottofamiglia: Epidendroideae, higher Epidendroideae.
Tribù: Vandae.
Sottotribù: Aeridinae.
Genere: Haraella.
Specie: retrocalla.


Questo genere monospecie è originario dell’isola di Taiwan (conosciuta anche come Formosa) una piccola isola a sud della Cina e a sud-est del Giappone.
Il nome Haraella (Hayata) Kudô 1930(che la giustificò nel “Journal of the Society of Tropical Agriculture” di Taiwan) fu dato in onore di Yoshi Hara, botanico e collezionista di orchidee giapponese del 20° secolo della Taihoku Imperial University di Formosa rinomato per le sue ricerche sulla flora endemica dell’omonima isola, che per primo scoprì e coltivò questa specie.
Il nome della specie, retrocalla, deriva dal latino e sta ad indicare il callo sulla parte posteriore del labello.

Sinonimi

Sinonimi omotipici:

(basionimo) Saccolabium retrocallum Hayata, Icon. Pl. Formosan. 4: 92 (1914).
Gastrochilus retrocallus (Hayata) Hayata, Icon. Pl. Formosan. 6(Suppl.): 79 (1917).
Gastrochilus retrocallosus Schltr., Repert. Spec. Nov. Regni Veg. Beih. 4: 289 (1919).

Sinonimi eterotipici:

Haraella odorata Kudô, J. Soc. Trop. Agric. 2: 26 (1930).
Saccolabium odoratum (Kudô) Makino & Nemoto, Fl. Japan, ed. 2: 1675 (1931).
Gastrochilus odoratus (Kudô) J.J.Sm., Bull. Jard. Bot. Buitenzorg, III, 14: 168 (1937).

Morfologia e habitat

La pianta, originaria dell’isola di Taiwan cresce ad altitudini che variano dai 1.000 ai 2.200 metri slm., è formata da foglie acute distiche, carnose e falcate, da oblughe ad oblungolanceolate che si dipartono da un piccolo e corto gambo. Fiorisce da una corta e pendente infiorescenza che si origina dalle ascelle fogliari; i fiori, della dimesione variabile di circa 2 cm. che hanno brattee deltoidi, si aprono in successione fino ad un numero di 3.

La coltivazione

foto e collezione Massimo Morandin – diritti riservati
Haraella retrocalla

Per quella che è la mia esperienza questa graziosa miniatura è meglio se coltivata su zattera, possibilmente di sughero, in quanto ama ancorare le sue radici tra le asperità della corteccia, sebbene non disdegni la coltivazione in vasetto su composto di bark piccolo e sfagno.
Quando coltivata in zattera è bene interporre sopra le radici appena sotto le prime due foglie un pochino di sfagno o muschio per garantire una certa umidità costante all’apparato radicale.
Non avendo riposo invernale la pianta va annaffiata durante tutto l’anno, avendo cura di gestire le annaffiature in base alla stagione, incrementandole quindi nel periodo primaverile/estivo e diradandole nel periodo autunnale/invernale.
La luminosità alla quale la pianta cresce soddisfacemente è quella parzialmente ombreggiata e comunque luminosa, essendo abbastanza rustica le temperature che sopporta in inverno si attestano sui 12/13 gradi minimi meglio se qualche grado in più.
Il concime (bilanciato tipo 20/20/20), come le annaffiature, lo somministro tutto l’anno a cadenza costante, ravvicinando le concimazioni a seconda della stagione (circa 1 volta al mese in inverno, ogni 3 settimane in primavera/autunno, e ogni 10/15 giorni nel periodo estivo) a dosi di 1gr/lt.
Sebbene venga indicato come periodo per la fioritura l’autunno e l’inizio della primavera le mie fioriscono puntualmente tra la fine di luglio e la prima quindicina di agosto.

3 pensieri su “Haraella retrocalla, una miniatura generosa

  1. …penso sia ancora fiorita anche la divisione che mi hai donato-ne ha fatti due di fiori, uno sicuramente è appassito.
    bellissima e delizioosa
    Post professionale!
    giudo

Ciao! Che ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.