Nevegal 2007 : resoconto semiserio di una gita in montagna tra orchidofili, ma soprattutto tra amici

Eccoci qui !!!
Ore 10, al parcheggio della seggiovia per il Nevegal ci siamo tutti.
Aldo Agnese e il piccolo Marco, Giovanni Zallot alias il ” Senatur”, Renato e Mirella, Alberto e Luigina, Guido “detto anche il Grande Capo” con Rosetta e Noi, pronti per l’ascesa che ci porterà al rifugio Brigata Cadore, da dove inizierà la nostra escursione.

La partenza verso le cime


La partenza fila liscia, ci imbarchiamo tutti senza problemi, vedi foto esplicative, il tempo si stà sistemando dopo averci fatto un pò preoccupare, durante il viaggio di avvicinamento avevamo incontrato la pioggia, ma ora il sole fa capolino tra gli squarci sempre più ampi nella cappa nuvolosa e la giornata si preannuncia ottima.
La salita è piacevole grazie anche al magnifico panorama e in un quarto d’ora siamo in cima.

Il gruppetto di “prodi” entra subito in azione

Scoperte e consulti, sul libro del “Senatur”

Dopo un breve consulto decidiamo di fare la visita al giardino botanico nel pomeriggio, nel frattempo ci diamo alle ricerche botaniche nei prati

Per una volta le ammaliatrici sono stelle alpine
intorno al Col Visentin in attesa dell’ appuntamento gastronomico a malga Faverghera.
Il tempo passa veloce, e tra il cercar fiori ” Guido é estasiato dalle stelle alpine” e l’ammirar il paesaggio l’ora di pranzo si avvicina rapidamente, sarà l’aria di montagna ma abbiamo tutti una gran fame, velocemente scendiamo alla malga dove accolti dai gestori, la famiglia Morandi, ci accomodiamo già pregustando le delizie che ci verranno proposte.

Un pensiero riguardo “Nevegal 2007 : resoconto semiserio di una gita in montagna tra orchidofili, ma soprattutto tra amici”

  1. …a richiesta, la redazione pubblica anche le foto “censurate” per timidezza
    😆

    bellissimo resoconto e conferma dell’amenità generale…direi: bravo Giovanni!!

    ciao a tutti
    Guido

Ciao! Che ne pensi?