Prove di nebulizzazione per terrari e per piccolissime serre

Prove artigianali ed economiche per produrre nebbia nel terrario ed in una piccola serra…per il momento ci sono ancora dei problemi tecnici

Prove eseguite per la nebulizzazione

La prima prova eseguita con pompa ad ultrasuoni:
La prova l’ho eseguita sul mio terrario che misura 70x70x50, le prove non sono andate male però ho constatato che è meglio abbinare anche un piccolo ventilatore per permettere alla nebulizzazione di arrivare anche al soffitto del terrario – in circa 15 minuti si riempie completamente.

Ho anche fatto una prova in una specie di serra (si fa per dire ) che misura 150x150x200 cm ed il risultato è discreto, però si deve considerare che con una sola pompetta ci vuole circa un’ora e mezza perché la serra si riempia di nebbia e poi in poco tempo sparisca tutto, quindi bisognerebbe ricominciare dopo circa dieci minuti.

Bisogna anche tener conto del livello dell’acqua che non deve essere troppa altrimenti la pompetta non riesce a nebulizzare.
Con poca acqua la pompa si ferma: anche in questo caso ho abbinato un piccolo ventilatore.

Nel terrario ho installato due tubi al neon uno da 15 w e uno da 18w una pompetta che crea una piccola cascata, il fondo è ricoperto da 6-7 cm di acqua, dove vivono due rane e due salamandre.

Il costo della pompa ad ultrasuoni è di circa 40 euro la ventolina costa circa 8 euro il trasformatore per la ventolina è di circa 8 euro per un totale di 56 euro.

La seconda prova eseguita con una pompa per macchina da caffè.

La prova l’ho eseguita con una pompa per macchina da caffè che ho recuperato da una vecchia macchina.
Ho comperato diversi ugelli dalla ditta DISPI di Padova avevo cominciato con ugelli da 0,40 per vedere la pompa come si comportava, e ho visto che lo spruzzo era troppo grosso, allora sono sceso a 0,30 con tre ugelli e non andava ancora bene allora sono sceso a 0,20 sempre con tre ugelli e non andava ancora bene così ho preso la misura più piccola e cioè 0,15 con sei ugelli (questa è la misura più piccola che hanno),naturalmente ho tolto gli anti goccia altrimenti la pompa non ce la fa, il risultato non è male però la nebulizzazione è troppo grossa e bagna troppo le piante.
Poi bisogna stare attenti perché la pompa si surriscalda molto, (ho rimediato mettendo una ventolina vicino alla pompa per raffreddarla ), ne avevo già fatta fuori una, si era fusa per il troppo calore.
Per il tipo di serra (si fa per dire ) che ho a disposizione ho sistemato gli ugelli tutti vicini in maniera da formare una spirale, che messa al centro della serra coprisse tutti i lati, ho anche messo un manometro per controllare la pressione e ho constatato che la pompa riusciva a mantenere una pressione di 15 bar continui.
La mia conclusione è che la pressione è troppo poca, la nebulizzazione è discreta ma non va bene perché è troppo grossa e bagna troppo le piante, anche se e i costi per l’impianto non sono eccessivi.

La pompa in negozio costa 30 euro sei ugelli costano 36 euro i vari raccordi a T e varie riduzioni costano circa 20 euro il tubo circa 10 euro, per un totale di circa 96 euro.
Ho portato fuori l’impianto per rendere più visibile il tutto.

La prima foto mostra la pompa con la ventola e la tanica dove pesca l’acqua.

Foto 1

La seconda gli ugelli messi a spirale ed il manometro.

Foto 2

La terza come funziona il tutto.

Foto 3

La quarta la serra dove faccio le prove

Foto 4

Prova con una pompa ad alta pressione

All’impiantistica utilizzata nelle prove precedenti è stata applicata una pompa ad alta pressione, ricavata usando una “idropulitrice” – costo 32 euro.

In commercio si trovano idropulitrici a costi molto contenuti, ma per poter essere applicate ad impianti di nebulizzazione che utilizzano poca acqua è indispensabile predisporre una valvola di scarico regolabile attraverso la quale far defluire l’acqua in eccesso.
E’ noto che le idropulitrici hanno un rapporto pressione/litri erogati molto superiorea quello delle pompe usate per gli impianti fog.
La soluzione dello scarico regolato risolve bene questo problema: praticamente all’apice della colonna degli ugelli si attacca un tubicino dotato di rubinetto con il quale si può equilibrare la potenza della nebulizzazione. L’acqua in eccesso è raccolta da un contenitore e convogliata per eventuali recuperi.

Effetto nebbia nella piccola serra

Nella foto sopra si vede l’effetto nebbia con la pompa in funzione. La nebulizzazione si ottiene velocemente e quindi con un controllo igrostatico oppure ad orologio si può automatizzare il funzionamento.
Nella foto a sinistra si vede la pompa in funzione – nella realizzazione definitiva conviene installarla fuori dalla serra per proteggerla dall’umidità (anche la pompa è avvolta dalla nebbia)

Come si può vedere dalle foto, le prove sono esemplificative (il tutto è sistemato in maniera provvisoria), ovviamente l’installazione definitiva richiede un generale riordino delle apparecchiature.

27 pensieri su “Prove di nebulizzazione per terrari e per piccolissime serre

  1. Una spesa troppa alta, un risultato discreto.
    Io ho acquistato al prezzo di 3,5 euro/pz dei nebulizzatori
    della NaanDan Jain, ogniuno conta 4 nebulizzatiri disposti a croce, a questi ho modificato la valvola a pressione contro lo sgocciolamento (aprendoli e tagliandone un pò la molla) in modo che funzionassero con pressione di 2,7Bar invece di 4Bar.
    Nebulizza, creando un effetto nebbia un raggio di ben 90 cm, e microgoccie di circa 50-80 micron.
    Il modello si chiama Fogger, http://www.naandanjain.com/e/Products/&mod=catalog&cc_id=16&cp_id=18

Ciao! Che ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.