Goodyera repens, spontanea minuta e rara

Spesso le gite fuori porta, seppure di breve durata, riservano agli appassionati di natura, e nel mio specifico caso anche di orchidee spontanee, delle piacevolissime sorprese.
Il carnet orchidee spontanee ieri si è rimpinguato con una nuova miniatura scoperta nell’alto bellunese, la Goodyera repens (L.) R.Br. in W.T.Aiton, Hortus Kew. 5: 198 (1813).Goodyera repens

Sistematica:
Regno: Plantae
Sottoregno: Tracheobionta
Superdivisione: Spermatophyta
Divisione: Magnoliophyta
Classe: Liliopsida
Sottoclasse: Liliidae
Ordine: Orchidales
Famiglia: Orchidaceae
Genere: Goodyera

Botanica:
Sinonimi Homotipici:

* Satyrium repens L., Sp. Pl.: 945 (1753). Basionimo
Epipactis repens (L.) Crantz, Stirp. Austr. Fasc., ed. 2, 6: 473 (1769).
Serapias repens (L.) Vill., Hist. Pl. Dauphiné 2: 53 (1787).
Neottia repens (L.) Sw., Kongl. Vetensk. Acad. Nya Handl. 21: 226 (1800).
Orchis repens (L.) Eyster ex Poir. in J.B.A.M.de Lamarck, Encycl. 6: 581 (1805).
Peramium repens (L.) Salisb., Trans. Hort. Soc. London 1: 301 (1812).
Gonogona repens (L.) Link, Enum. Hort. Berol. Alt. 2: 369 (1822).
Goodyera pubescens var. repens (L.) Alph.Wood, Class-book Bot., ed. 2a: 537 (1847).
Elasmatium repens (L.) Dulac, Fl. Hautes-Pyrénées: 121 (1867).
Orchiodes repens (L.) Kuntze, Revis. Gen. Pl. 2: 675 (1891).

Sinonimi Eterotipici:
Satyrium hirsutum Gilib., Excerc. Phyt. 2: 484 (1792), opus utique oppr.
Tussaca secunda Raf., Précis Découv. Somiol.: 43 (1814).
Goodyera marginata Lindl., Gen. Sp. Orchid. Pl.: 493 (1840).
Orchiodes marginatum (Lindl.) Kuntze, Revis. Gen. Pl. 2: 675 (1891).
Orchiodes resupinatum Kuntze, Revis. Gen. Pl. 2: 675 (1891).
Goodyera repens var. ophioides Fernald, Rhodora 1: 6 (1899).
Peramium repens var. ophioides (Fernald) A.Heller, Cat. N. Amer. Pl., ed. 2: 4 (1900).
Epipactis repens var. ophioides (Fernald) A.A.Eaton, Proc. Biol. Soc. Wash. 21: 65 (1908).
Goodyera nantoensis Hayata, J. Coll. Sci. Imp. Univ. Tokyo 30(1): 343 (1911).
Goodyera mairei Schltr., Repert. Spec. Nov. Regni Veg. 17: 65 (1921).
Goodyera brevis Schltr., Repert. Spec. Nov. Regni Veg. Beih. 12: 345 (1922).
Peramium secundum (Raf.) House, Bull. New York State Mus. Nat. Hist. 254: 248 (1924).
Epipactis mairei (Schltr.) Hu, Rhodora 27: 106 (1925), nom. illeg.
Peramium nantoense (Hayata) Makino, J. Jap. Bot. 6: 36 (1929).
Goodyera ophioides (Fernald) Rydb., Brittonia 1: 86 (1931).
Goodyera repens var. marginata (Lindl.) Tang & F.T.Wang, Acta Phytotax. Sin. 1: 68 (1951).
Goodyera repens var. japonica Nakai, Bull. Natl. Sci. Mus. Tokyo 33: 30 (1953).
Goodyera repens subsp. ophioides (Fernald) Á.Löve & W.Simon, S. W. Naturalist 13: 341 (1968).
Goodyera repens f. ophioides (Fernald) P.M.Br., N. Amer. Native Orchid J. 1: 14 (1995).
foglie
Morfologia:
E’ pianta minuta, non più alta di una ventina di centimetri i cui fiori si sviluppano a spirale lungo l’infiorescenza, le foglie basali lanceolate (4 a 7) riunite a rosetta sono brevemente picciolate e con nervature reticolate, la moltiplicazione vegetativa avviene mediante stoloni. I fiori piccoli e bianchi, 3/5 mm. sono ottusi e dotati di una fitta peluria.

Habitat
habitatClassificata rara in Italia, bensì ove rinvenuta conti diversi esemplari, il luogo di ritrovamento si trova ad un’altitudine di circa 800 mt slm., l’areale di diffusione è caratterizzato da un’abetaia, mentre le piante sono state trovate in una sorta di cratere profondo circa un paio di metri e largo tre, tappezzato di sfagno quindi costantemente umido, la luce è filtrata dalle fronde degli abeti mentre il substrato è acido essendo costituito in gran parte da un compost di aghi di pino.

Per concludere aggiungo un paio di fotografie di due belle Epipactis che mi hanno lasciato incerto riguardo alla loro classificazione. Sono presumibilmente delle helleborine, ma vista la enorme differenza tra loro lascio ai più esperti l’ultima parola. Come si può notare nella prima (sx) l’infiorescenza è molto più densa ed i fiori hanno una pigmentazione prevalentemente verdognola, mentre nella seconda (dx) l’infiorescenza è molto più lassa ed i fiori sono in numero nettamente inferiore.
Alcune note morfologiche nel primo caso la pianta era alta circa 70 cm mentre nel secondo poco più di 50, i fiori in entrambi i casi erano molto grandi, anche oltre i 2 cm. sebbene più grandio fossero quelli della foto di destra.
epipactis_1
epipactis

10 pensieri su “Goodyera repens, spontanea minuta e rara

  1. Per Betty e Giancarlo:
    l’orchidea da voi trovata è una Gymnadenia conopsea, specie comune nel nostro territorio, anche se a mio avviso predilige zone aperte, mentre nella foto sembrerebbe in un sttobosco, ma non si capisce molto.

Ciao! Che ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.