Polystachya zambesiaca

Nella foto in evidenza: Polystachya zambesiaca in fiore nella collezione rio Parnasso di Guido De Vidi

Il genere Polystachya stato fondato da Sir William Hooker nel 1825. Il nome deriva dalle parole greche Poly (molti) e Stachys (spiga di grano), facendo riferimento sia alla presenza di molti steli fiorali, caratteristica della maggior parte delle specie, o alla struttura di una infiorescenza in boccio.

Polystachya zambesiaca Rolfe 1895
Sinonimi: Polystachya hislopii Rolfe 1914; Polystachya lawrenceana var. hislopii (Rolfe) Kraenzl. 1926; Polystachya phiriae Fibeck 1999

Specie epifita a volte litofita, endemica in diversi paesi africani: Malawi, Mozambico, Sud Africa, Tanzania, Zambia e Zimbabwe.
Habitat preferito su affioramenti rocciosi ad altitudini che vanno dai 900 ai 2000 metri nelle foreste caratterizzate dalla presenza di Brachystegia (specie predominanti delle foreste di miombo dell’Africa centrale e meridionale).
Pianta di piccole dimensioni – quasi miniatura – con pseudobulbi ovoidali oblunghi che formano 2-3 foglie lanceolate, leggermente piegate, di colore verde spento.

Produce infiorescenze pubescenti con tanti piccoli fiori non resupinati di colore giallo verde smeraldo.
Fioritra autunnale; coltivazione in piccoli vasi, temperatura intermedia, ambiente umido con un leggero riposo invernale più secco più fresco.

I fiori pubescenti, a volte emanano un forte profumo di cioccolato, sepali e petali di colore giallo verdolino, giallo limone, labello bianco con venature viola sui lobi laterali e una macchia marrone alla base del piede della colonna.

Nei luoghi di endemicità le temperature dei giorni invernali sono in media 18-19 ° C e le notti in media 7-8 ° C, con un intervallo diurno di 10-11 ° C. In coltivazione le bagnature dovrebbero essere ridotte dalla fine dell’autunno alla primavera successiva, ma non dovrebbero rimanere completamente senza acqua per lunghi periodi. Occasionali nebulizzazionii mattutine tra le annaffiature poco frequenti forniranno umidità sufficiente nella maggior parte delle aree in crescita. L’acqua dovrebbe essere aumentata se gli pseudobulbi si restringono eccessivamente. Il fertilizzante deve essere eliminato fino a quando non inizia una nuova crescita e in primavera si riprende un’irrigazione più pesante.

Ciao! Che ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.