Epidendrum hassleri

Post dedicato all’amico Luigi Peano, bravo coltivatore e appassionato di orchidee friulano.

Epidendrum hassleri Cogn., Repert. Spec. Nov. Regni Veg. 7: 70, 1909.

Epidendrum hassleri

ETIMOLOGIA: In onore di Emil Hassler, (n. 20 VI 1864, Aarau, Svizzera; d. 4 XI 1937 Asunción.
Medico, naturalista e botanico svizzero noto per le sue collezioni e contributi alla flora del Paraguay.

Fiori
Epidendrum hassleri, pianta

Appartiene al gruppo Pseudepidendrum. Caratterizzato da piante caespitose, steli a forma di canna, foglie acuminate, infiorescenza apicale, senza brattea spaziale. I petali sono per lo più filiformi e il labello solitamente a 3 lobi, il lobo apicale è spesso biforcato. Nel sottogruppo Densiflorum l’infiorescenza a peduncolo corto è panicolata. Fiorisce una sola volta all’anno, i fiori sono verdi, l’apice della colonna e del disco del labello bianco panna, i calli talvolta sono sfumati di viola.
 
Specie endemica in Brasile da Rondônia e Goiás e dal bacino del Rio Paraná, dalla Sierra de Amambay a sud-est alle cascate dell’Iguazú, lungo il confine del Paraguay e del Brasile e fino alla provincia di Misiones, in Argentina, nella Meseta Misionera; epifita nella foresta umida ombrosa a quote più basse. Fioritura da ottobre ad aprile

COLTIVAZIONE

Usare piccoli vasi con substrato drenante. Habitat ombreggiato, temperatura media (15-30) gradi centigradi. Leggero riposo, fertilizzazioni blande ed equilibrate.

Curiosità

La pianta descritta in questo post è giunta in coltivazione già dotata di una capsula seminale fecondata. La capsula è maturata e, all’evidenza, i semi si sono insinuati fra le radici ed il substrato della zattera di supporto. Come si vede dalle foto, stanno crescendo delle nuove piantine. Stiamo assistendo ad un evento abbastanza raro in coltivazione: la germinazione simbiotica

Epidendrum hasleri: germinazione spontanea (simbiotica)

Ciao! Che ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.