Encyclia oncidioides (Lindl.) Schltr.

 Encyclia oncidioides è stata descritta da Rudolf Schlechter nel 1914.

Sinonimi: Encyclia argentinensis f. maior, Encyclia cardinii, Encyclia ensiformis, Encyclia saltensis f. maior, Encyclia vellozoana, Epidendrum ensiforme, Epidendrum guillemianum, Epidendrum oncidioides.

Originaria del: Brasile, Guiana, Guyana, Suriname, Venezuela. Encyclia oncidioides si trova spesso in crescita come terrestre nella sabbia bianca nel nord del Brasile. Si pensa che i suoi habitat preferiti fossero gli ex letti di laghi.

Dimensioni della pianta: grande. Gli pseudobulbi di Encyclia oncidioides sono eretti e crescono fino a (9-10 cm). Ogni crescita produce fino a 4 foglie lunghe e larghe (37 cm x 3 cm).

In Brasile, è endemica nelle foreste di pianura e di montagna lungo la costa da Rio de Janeiro a Bahia. Cresce abitualmente ad un’altitudine di 1000 m slm, sugli alberi del piano intermedio delle foreste primarie, in zone con elevata umidità, luce diffusa e notevole movimento d’aria. È una pianta terrestre e/o litofita di medie dimensioni, da clima caldo, con gruppi di pseudobulbi raggruppati, da conici a ovoidali, lunghi 3-4 cm e larghi circa 2,3 cm che portano da 2 a 3 foglie sagomate, lunghe fino a 15 cm e larghe 1,8 cm. Questa specie fiorisce in primavera su infiorescenze che portano fiori dolcemente profumati e di lunga durata. I fiori hanno un diametro fino a 5 cm. I petali di entrambi i verticilli sono di colore verde-giallastro-brunastro.  Encyclia oncidioides necessita di un livello di luce filtrata da ombreggiatura, le piante non devono essere esposte alla luce solare diretta. È necessario garantire sempre un forte movimento dell’aria.

Temperatura:

La temperatura media diurna estiva è 24-26°C, la notte 15-16°C, con una differenza giornaliera di 9-10°C. La temperatura media del giorno invernale è 20-21°C, la notte 9 -11°C, che dà una differenza giornaliera di 10-11°C. Encyclia oncidioides ha bisogno di un’umidità media dell’80-85% durante tutto l’anno.

Substrati di coltivazione e rinvaso:

 Encyclia oncidioides può essere coltivata in vaso oppure montata su zattere di felci arboree. Tuttavia, le piante montate necessitano di un’elevata umidità e durante la stagione calda e secca potrebbe essere necessario annaffiare più volte al giorno. Come substrato si può usare corteccia di media granulazione o una fibra di felce arborea tritata con l’aggiunta di diverse quantità di perlite e/o sfagno tritato, che allegeriscono il substrato ma trattengono parte dell’umidità. L’aggiunta di carbone migliora anche l’ariosità del substrato.  Le piante devono essere rinvasate immediatamente quando il substrato inizia a decomporsi o quando la pianta cresce dal vaso. Il rinvaso dovrebbe essere effettuato quando iniziano a crescere nuove radici. Quindi le piante si stabilizzeranno nel più breve tempo possibile.

Irrigazione:

 Encyclia oncidioides desidera abbondanti annaffiature durante la crescita attiva, ma le sue radici devono asciugarsi rapidamente dopo l’irrigazione. Alla fine dell’autunno, la quantità di acqua va ridotta progressivamente.

Fertilizzante:

 Durante la stagione di crescita si consiglia di utilizzare un fertilizzante bilanciato durante tutto l’anno, oppure utilizzare un fertilizzante ad alto contenuto di azoto dalla primavera a metà estate e poi un fertilizzante ad alto contenuto di fosforo fino all’autunno.

Periodo di riposo:

 In inverno, Encyclia oncidioides ha bisogno di meno acqua, soprattutto se la coltivazione è situata in zone con giornate corte. Tuttavia, non dovrebbero mai asciugarsi completamente. La concimazione dovrebbe essere ridotta o eliminata fino a quando non aumentano le annaffiature primaverili.

Questa voce è stata pubblicata in Orchids. Contrassegna il permalink.

Ciao! Che ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.