Ascocentrum garayi, storia ed incertezze botaniche

Nella foto in evidenza: Acocentrum garayi collezione Rio Parnasso, foto 24.05.2016

Brevi note sulle incertezze tassonomiche del genere Ascocentrum, nella fattispecie dei colori giallo-arancione.

Ascocentrum miniatum (Lindley) Schlechter 1913 e/o Ascocentrum garayi E.A. Christenson 1992

IMG_0452Eravamo nel mese d’Aprile del 1998, quando in Villa Albrizzi-Franchetti a Preganziol di Treviso, fu esposta una mia pianta di Ascocentrum, cartellinato con il nome di spece “miniatum”.
In quell’occasione però, i giudici presenti decisero che l’esatta classificazione della pianta esposta era: Ascocentrum garayi.

Le incertezze interpretative sull’esatta specie d’appartenenza degli Ascocentrum sono state trattate da Jim Cootes ed Eric A. Christenson sulla rivista “Orchids Australia”, (Volume 7 N°6 Dicembre Del 1995).
Effettivamente c’è molta confusione e non è molto facile identificare con certezza le specie color giallo-arancione del genere Ascocentrum.
Questo problema deriva dalla presenza di molte varietà di Ascocentrum, miniatum compreso.
Colgo quindi l’occasione della bellissima fioritura del mio esemplare per focalizzare la vostra attenzione su questo problema tassonomico.
Penso che sia utile partire dalla specie recentemente descritta, Ascocentrum garayi, ed evidenziare le sue differenze rispetto alle altre due: Ascocentrum aurantiacum ed il vero Ascocentrum miniatum.
Christenson, nel suo articolo evidenzia la diversità dei siti in cui vivono e lega i nomi delle specie ai loro luoghi d’origine.

Collezione Rio Parnasso. Foto 24.05.2016
IMG_0451Ascocentrum garayi E.A.Christenson 1992
Ascocentrum miniatum, genericamente inteso, è endemico in Indocina, dall’Indonesia alle Filippine.
Dall’esame delle piante raccolte nei vari siti e dalle note scientifiche reperite, Jim Cootes ed Eric A. Christenson, hanno interpretato una rivisitazione in chiave più specifica.

Le piante di A. miniatum originarie delle Filippine sono effettivamente sottospecie di Ascocentrum aurantiacum filippinense. Le piante di A. miniatum provenienti dall’Indocina sono invece Ascocentrum garayi.
Quasi tutte le piante in coltivazione e quelle usate per le ibridazioni sotto il nome A.miniatum sono da considerarsi Ascocentrum garayi.
Il vero Ascocentrum miniatum è poco coltivato in Tailandia e raramente presente a Java e Malesia.
Per aggiungere ulteriore confusione ed incertezza va detto che Ascocentrum aurantiacum è considerato specie intermedia fra Ascocentrum miniatum e Ascocentrum curvifolium (fogliame del curvifolium e fiori del miniatum).
In conclusione, pianta grande proveniente dalle Filippine corrisponde ad Ascocentrum aurantiacum se invece la pianta è piccola e proviene dalla Tailandia, probabilmente è Ascocentrum garayi.
L’Ascocentrum garayi è di facile coltivazione, le sue dimensioni ridotte e la facilità di sviluppo favoriscono la formazione di bellissimi esemplari.

Ulteriori approfondimenti tassonomici
Ascocentrum garayi è stato descritto da Eric Christenson nel 1992 in Lindleyana, sulla base di differenze morfologiche, di endemicità e periodo di fioritura, rilevate nell’esemplare in analisi, rispetto a piante già da anni in coltivazione e conosciute come Asctm. miniatum (Lindl.) Schltr. Christenson nominò la specie in onore di Leslie Garay, ex curatrice dell’Orchid Herbarium di Oakes Ames presso la Harvard University, per il suo lavoro sulla ristrutturazione generica delle Aeridinae.
La storia della classificazione di questa rara specie proveniente da Java, inizia con la descrizione di John Lindley nel lontano 1848, che in quell’occasione la nominò Saccolabium miniatum in “Botanical Register” nel 1848, più avanti nel tempo, Rudolf Schlechter la sposta nel genere Ascocentrum, in Feddes, Repertorium Specierum Novarum, Beihefte nel 1913.
Arrivando ai giorni nostri, il riordino si ferma a Christenson…per il momento.

Quali sono le differenze fra le due specie?
Le nostre osservazioni possono far tesoro su quanto riportato nei libri o nel web. A tal proposito trovo molto interessante questo articolo apparso su Orchid Species Bulletin pubblicato nel dicembre 2006 dalla Orchid Species, che ha sede a Brisbane, Queensland.
L’articolo e le foto sono interessanti perché evidenziano una caratteristica morfologica dei fiori, che può stabilire inconfutabilmente la linea di separazione fra le due specie. Non conosco le note fatte da Christenson nella sua relazione, sicuramente avrà rilevato la differenza fra i labelli delle due specie: a forma di lingua con i lobi laterali tronchi in entrambe, ma ricurva verso il basso nell’Asctm. miniatum ed invece, posta orizzontalmente a 90° rispetto a tutto il resto del fiore, nell’Asctm. garayi.
Altra differenza evidente fra i fiori delle due specie è la forma dei petali e dei sepali: stilizzati ed allungati nell’Asctm. miniatum, più pieni e rotondeggianti nell’ Asctm. garayi
Il periodo di fioritura è diverso: Asctm. miniatum estate-autunno, Asctm. garayi primavera.
ascocentrum_curvifolium_1Per quanto riguarda la struttura morfologica delle due specie, diverse annotazioni rilevano che: Asctm. miniatum ha le foglie ricurve come quelle di Asctm. curvifolium (Lindl.) Schltr. e Asctm. rubrum (Lindl.) Seidenf.

vedi foto

cattolica_09_ascocentrum_ga mentre Asctm. garayi ha le foglie molto rigide e rette.

vedi foto a lato

Per finire la carrellata delle diversità, queste due specie sono endemiche in:
Ascocentrum garayi Christenson, Lindleyana 7: 89 (1992).
Distribuzione: Laos, Vietnam e Thailandia
Ascocentrum miniatum (Lindl.) Schltr. ex JJSm., Bull. ex JJSm., Boll. Jard. Bot. Buitenzorg, II, 14: 49 (1914). Buitenzorg, II, 14: 49 (1914).
Distribuzione: Assam, Laos, Tailandia, Vietnam, Java, Malaysia, Filippine, Sumatra

3 pensieri su “Ascocentrum garayi, storia ed incertezze botaniche

  1. Pingback: Aria di Floridee, l’angolo dei desideri a Pordenoneorchidea 2017 | Orchids.it

  2. Ciao Guido sono contentissima di questo articolo perchè proprio in questio giorni anche il mio asc.garayi che mi hai passato ha una fioritura da “schianto” Miriam vecchia apassionata da Maniago

Ciao! Che ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.