Il genere Liparis: Liparis latifolia

Foto di copertina: Liparis latifolia fioritura 13.10.2018 nella collezione rio Parnasso.

Leggi il post di inizio contenente la descrizione del Genere.
Riassunto:
Liparis è un genere complesso, vicino alle Malaxis, composto da 350 specie riconosciute a fronte delle quasi 700 descritte. Fu descritto nel 1817 da Louis Claude Marie Richard. Le varie specie vivono in zone temperate e tropicali in tutto il mondo.

Liparis latifolia
Sottofamiglia: Epidendroideae Tribù: Malaxideae, Genere: Liparis, Specie: Liparis latifolia Lindl. (1830)
Come molte altre orchidee, ha vari sinonimi, ad esempio, Leptorkis latifolia, Stichorkis latifolia, Liparis fulgens, Liparis robusta o Liparis scortechinii, ed altri.
Significato del nome di specie: ad evidenziale le foglie larghe di cui è dotata.
Nome popolare in Cina: Kuan Ye Yang Er Suan
Liparis latifolia è endemica in Cina, Indonesia, Malesia, Nuova Guinea, Filippine e Tailandia ad altitudini da 200 a 1700 metri. L’infiorescenza può crescere fino a 25 cm di lunghezza, delicatamente arquata, forma tra 10 e 80 fiori di un cm, distribuiti in forma distica fra loro e distanziati di circa 1 cm l’uno dall’altro.
Nel Borneo questa specie cresce come epifita in zone ombrose delle foreste vicino ai corsi d’acqua. I fiori non sono profumati.
Si tratta di un’orchidea di medie dimensioni, con pseudobulbi unifoliati, dotati di foglie lunghe e lanceolate, tendenti ad assumere una colorazione arancione – rossastra, in sintonia con il colore dei fiori: petali giallo-arancio, labello piatto e bordi leggermente arrotondati frestagliati. Fiorisce in estate/autunno per diverse settimane.
Coltivazione:
Evitare la luce solare diretta, desidera ambiente semi-ombreggiato e umido. Temperature calde, minime 12-15 gradi centigradi. Tenere la pianta sempre leggermente umida con fertilizzazioni settimanali nel periodo del suo sviluppo. Nella stagione fredda ridurre le bagnature al minimo, avendo cura di non disidratare la pianta che non richiede riposo invernale. Sistemazione consigliata, in vaso con substrato drenante (bark, torba di sfagno).

Ciao! Che ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.