Bishopara, una bella miniatura.

Difficile da trovare, questo ibrido intergenerico degli anni 70 è veramente delicato.

Collezione Guido De Vidi – foto 19.03.06
tutti i diritti sono riservati

Nella foto a sinistra potete vedere una pianta di Bishopara, che coltivo da decenni con alterni successi… rimane sempre il ceppo essenziale perchè tende ad auto estinguere le vegetazioni vecchie.
Potete ben capire quanto è difficoltosa la sua sopravvivenza (basta un piccolo errore per mandare in fumo tutto).
Per salvaguardare questo ibrido al quale sono particolarmente affezionato (l’amore delle cose impossibili), ne coltivo tre unità…nella speranza, che una rimanga sempre in vita.

Note sui vari cultivar di Bishopara.
Bishopara = ( Broughtonia x Cattleya x Sophronitis ) (D.Bishop & Greatwood), nome dato dal suo ibridatore David A. Bishop in Orch. Rev. 84(999): p. 7, 10 (Sett. 1976)

Negli anni successivi sono state registrate diverse nuove combinazioni ad esempio:

Bishopara Barellan Point (Ctna. Brandi x Sc. Lana Correll) –Bishopara Distant Vision (Ctna. Splash of Port x Sc. Beaufort) – Bishopara Swill Of Spirit (Ctna. Swill of Brandy x Sc. Lana Correll) D.Neuendorff e Bishopara Dendi’s Ainée ( Dal’s Touch x Sc. Lana Correll) D.Diehm.

Di quest’ibrido intergenerico esiste poca documentazione. E’ un buon esempio di miniaturizzazione, poco presente nelle collezioni, forse per la difficoltà di coltivazione.
Il suo sviluppo è molto lento e pieno d’insidie: richiede temperature intermedie ed ama asciugarsi fra le bagnature.

Consiglio di coltivare quest’orchidea su zattera di legno duro e di collocarla in posizione luminosa.

12 pensieri su “Bishopara, una bella miniatura.

  1. Gianni, penso che sar? dura! I dati disponibili dicono: Cattleytonia x Sophronitis coccinea…non so nulla dell’altro genitore, il cross (Cattleya x Brougtonia).
    Se trovi qualcosa su internet batti un colpo 🙂 Ciao Gianni, ho visto che le tue fioriture vanno alla grande… e te fa el sproto co e to orchidiote 🙂
    Ciao a tutti. Guido

  2. ciao Guido,
    l’unica risorsa, “impollinazione” appena hai due fioriture contemporaneamente, o riuscire a vedere chi ha fatto l’ibrido e fare un remake.
    ciao Gianni

  3. Quelle che ti fa fanno più soffrire danno anche le maggiori soddisfazioni in seguito. La stessa pianta divisa nello stesso momento stessa coltura, stesso tutto non sar? mai uguale una magari va alla grande e l’altra latita la natura è così, come per le persone messe nello stesso luogo nessuna avr? mai lo stesso comportamento. Poi si dice dell’influenza dell’inquinamento o del clima sul pianeta. Saluti Alberto

  4. Letta,letta…ne parleremo, grazie, non solo questa mi fa tribolare: gli unici che non tribolano sono quelli che parlano delle orchidee degli altri. Ciao guido

  5. Ah, ma allora qualcosa che ti fa tribolare c’è!!
    Bellissima Guido come tutte le tue orchidee!!

    Ciao

    PS) letta la mia mail??

Ciao! Che ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.