Di sorpresa in sorpresa

Dialogando

Anche Anna Maria di Brisighella (RA) ci mostra la sua bella sorpresa.

Ho scoperto il vostro sito e da un po’ di tempo vengo a trovarvi regolarmente senza avere mai avuto il coraggio di scrivere…. Complimenti davvero per la meraviglia delle vostre orchidee e per i consigli che date.
Da qualche anno mi sono state regalate orchidee Phalaenopsis e forse perchè in casa mia trovano ciò di cui hanno bisogno, temperatura che in inverno non supera mai i 18° e in estate un terrazzo ombreggiato, e forse anche per…un po’ di fortuna, a distanza di anni sono ancora vive e rifioriscono regolamente.
I giorni scorsi ho letto il post “le sorprese di Andrea” e ho pensato di inviarvi la foto della mia “sorpresa”! Due estati fa anch’io ho notato un germoglio che non era un fiore e a poco a poco sono cresciute due piantine sullo stelo floreale fiorito l’anno precedente. Come si può vedere ora stanno fiorendo (la pianta madre invece è ferma da quando sono nate le due piantine) e non ho ancora avuto il coraggio di tagliarle dalla pianta madre…temo che tutte e tre le piante possano soffrire! Però viste le dimensioni che hanno raggiunto, in primavera mi dovrò decidere a separarle dalla pianta madre.

Di recente mi sono state regalate e mi sono regalata altre orchidee, una in particolare, una bellissima Paphiopedilum rosa di cui non conosco il nome. L’ho acquistata il 20/12 e il fiore era molto bello un bel rosa pastello, dopo qualche giorno si è aperto il secondo bocciolo e ieri mi sono accorta che il primo fiore ha cambiato colore è diventato più scuro ed è come appassito! Dove ho sbagliato?? Troppo freddo in casa? Oppure la durata di questi fiori è così breve? Annaffio tutte le orchidee una volta a settimana, con acqua a temperatura ambiente leggermente fertilizzata (concime per orchidee) e faccio sgocciolare bene i vasi prima di rimetterli nel sottovaso.

Vi mando anche le foto di altre orchidee di cui non conosco il nome, (mi pare una sia un Dendrobium), delle quali non conosco purtroppo le esigenze, temperature diurne e notturne, annaffiature ecc.
Non ho una serra, ho però un ingresso molto luminoso a piano terra, con una temperatura di 8-12 gradi dove da un po’ di tempo ho messo a riposo un’altra Paphiopedilum che ho da almeno 4 anni e che nonostante sia sopravvissuta a varie vicessitudini non è mai rifiorita…anche in questo caso…dove ho sbagliato?
Vi sarei molto grata se poteste consigliarmi anche un buon libro con le indicazioni per la coltura delle orchidee.

Grazie per i consigli che mi darete e tanti auguri per un felice anno nuovo!

Cordiali saluti.
———————————–

Nota: Le due foto sopra nel riquadro sono ibridi di Dendrobium, quello in alto a sinistra, le cui foglie sono caduche (con progenitore il D. nobile) per fiorire richiede il classico riposo freddo e secco, mentre l’altro (con progenitori D. biggibum e D. phalaenopsis) può essere alimentato e bagnato sempre. La foto a sinistra rappresenta un bellisimo ibrido fra Odontoglossum e Brassia…forse O. bictoniense x B. maculata.

Anna Maria, grazie per le tue annotazioni e benvenuta fra le orchidee.
La tua Phalaenopsis con i figli in fiore è la migliore risposta per tutti gli appassionati in trepida attesa con i “keiki” delle loro piante.
Come si può notare dalla tua pianta, non c’è alcuna fretta per staccare le nuove piantine…teoricamente possono anche rimanere appese allo stelo per sempre…sono pure belle e coreografiche (in natura si propagano così), purchè si riesca a fertilizzare ed a mantenere umide le nuove piante.

Generalmente i fiori dei Phapiopedilum sono molto duraturi, nel tuo caso, probabilmente il fiore che da segni di crisi era aperto da parecchi giorni, non penso a motivi di stress…vedremo quanto dura il secondo.
La tua pianta è un ibrido, e fra i suoi genitori ci sarà anche il P. delenati, ma è difficile risalire con certezza al nome dell’incrocio.

Per l’altro Paphiopedilum che non fiorisce, penso che abbia bisogno di un buon rinvaso, per i consigli leggi questi post

La tua piccola collezione è composa da orchidee che in natura vivono in ambienti diversi, ma non sempre è facile riprodurli, soprattutto se non si coltivano in serre o orchidari, però con qualche attenzione e tanto amore si possono ottenere buoni compromessi ed ottimi risultati: il nostro Gianni, con la sua coltivazione in casa ne è la prova.

Consigliarti un buon libro sulla coltivazione delle orchidee non è semplice, purtroppo in lingua italiana c’è poca roba e quindi bisogna spaziare sulla letteratura in lingua inglese.
Vai in libreria oppure cerca su internet, acquistane uno, quello che più ti ispira…sarà sicuramente utile e poi verrà il secondo, poi il terzo e come per le orchidee non si finirà più di incrementare la biblioteca
Ad ogni buon conto, nel mondo delle orchidee si dice che per imparare a coltivarle è più utile un’ora trascorsa insieme ad un bravo coltivatore che la lettura di un libro intero.
Anche questo blog è nato per divulgare la passione delle orchidee e siamo felici quando riscontriamo che in fondo, a qualche cosa serve!
Sempre a disposizione di tutti.

Questa voce è stata pubblicata in Orchids. Contrassegna il permalink.

9 risposte a Di sorpresa in sorpresa

Ciao! Che ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.