Dendrobium tetragonum

Una o più specie? L’importante è esserci

Descrizione
Alcune piante mi attraggono indipendentemente dal loro fiore, che sia il colore la forma o la fragranza l’elemento accattivante. Quando vidi quella modesta pianta attaccata con le proprie radici ad una piccola zattera di legno, i cui lunghi pseudobulbi a sezione quadrangolare si protendevano nel vuoto, ebbi istintivo e immediato l’impulso a comprarla. La fioritura che a breve seguì fu altrettanto sorprendente.

Dendrobium tetragonum A. Cunn.
Bot. Reg. (1839) Misc. 33

Oggi si parla spesso più di D. tetragonum complex, per cui , almeno secondo alcuni tassonomisti, esisterebbe una unica specie con diverse varianti locoregionali. Secondo altri sarebbero riconoscibili almeno 4 specie: D. tetragonum A. Cunn. var. tetragonum; D. tetragonum A. Cunn. var. cacatua (M.A. Clem. & D.L.Jones) H. Mohr (D. cacatua); D. tetragonum var. giganteum Gilbert (D. capitisyork); D. tetragonum A. Cunn. var. melaleucaphyllum (M.A. Clem. & D.L.Jones) Dockr. (D. melaleucaphyllum). Altri nomi come var. haynesianum viene considerato sinonimo di D. cacatua, var. tomentosum sinonimo di D. capitisyork.

Comunque sia sono tutti originari dell’Australia, della zona costiera del sudest australiano, dal livello del mare sino a circa 1000 m s.l.m. Crescono in zone molto umide e ombreggiate con temperature estive giornaliere sui 25°C e minime invernali di 5-8°C (D. tetragonum var. giganteum preferisce temperature minime più alte). In natura vanno incontro ad un periodo di riposo invernale secco, ma in coltivazione conviene mantenere una certa umidità atmosferica e del substrato anche nella stagione fredda.


Dendrobium tetragonumTav. 5956, Bot. Mag. 98, 1872

Ciò che li accomuna morfologicamente sono gli pseudobulbi, lunghi secondo le varietà dai 30 ai 60 cm, cilindrici alla base, a sezione quadrangolare (da qui l’epiteto della specie) alla sommità, larghi circa 1-1.5 cm. Dapprima eretti con l’età si inarcano fino a diventare penduli. All’apice portano le foglie in numero di 2-5 di colore verde scuro e di una certa consistenza, lunghe sino a 8 cm e larghe 2-3 cm. I fiori in gruppo di 2-5 vengono essi stessi prodotti agli apici: petali e sepali sono molto stretti e lunghi, complessivamente anche 17 cm, normalmente sui 10 cm, di colore giallo-verde, crema o bronzo, con spot rossastri sul labello oltre che nelle parti basali dei petali. Labello bianco e colore verde sono caratteristici del D. cacatua. I vecchi psudobulbi fioriscono ogni anno. Periodo di fioritura inverno, inizio-primavera. Profumo vanigliato.

Coltivazione

Sono piante che vanno coltivate su zattera, non solo per poterne apprezzare le caratteristiche comportamentali, ma soprattutto per poterle mantenere nel tempo. Hanno si bisogno di umidità costante per tutto l’anno con una riduzione delle bagnature in inverno, ma le radici devono essere arieggiate costantemente, pena il marciume e la perdita della pianta. Durante la stagione calda possono essere poste all’esterno in luogo fresco e umido con vaporizzazioni quotidiane. Ombreggiatura oltre il 60%. In inverno, ridurre ma non interrompere le annaffiature, e porre a temperature di serra fredda-intermedia. Per la var. giganteum sono necessarie temperature minime maggiori da serra decisamente intermedia. Fertilizzare regolarmente.

8 pensieri su “Dendrobium tetragonum

  1. Pingback: Se puoi sognarlo, puoi farlo | Orchids.it

  2. Pingback: Poker di Dendrobium | Orchids.it

Ciao! Che ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.