Lepanthes telipogoniflora

Il bello della prima fioritura
… tu chiamale se vuoi, emozioni.

Lepanthes telipogoniflora

010016Lepanthes telipogoniflora (Schuit. & A. de Wilde 1996). – André Schuiteman e A.de Wilde.

Sembra impossibile emozionarsi davanti ad una piccola orchidea che ti mostra i suoi fiori per la prima volta, soprattutto se non sei proprio un neofita, ma capita ed è sempre come la prima volta.
Cerchi notizie e vai subito a frugare nella sua storia.
Scopri che è stata descritta per la prima volta nel 1996 da Schuiteman & A. de Wilde nella rivista colombiana ORQUIDEOLOGIA
Quello che ti colpisce di questa specie è sicuramente la grande dimensione dei suoi fiori rispetto alle foglie.
Orchidea endemica della Colombia, dipartimento di Risalanda, ed è una delle Lepanthes più resistenti al caldo. Cresce nei boschi umidi sulla Cordigliera occidentale ad un’altitudine di circa 500 metri, ed è per questo motivo che sopporta abbastanza bene le temperature sopra 20°C. È una splendida miniatura con le foglioline di 1 – 1.2 cm. I suoi fiori (fino a 1.5 – 2 cm in diametro), sono comunque molto grandi rispetto alle altre Lepanthes.

Etimologia del nome di specie: telipogoniflora, si riferisce alla somiglianza dei suoi fiori a quelli del genere, Telipogon.
I fiori non sono molto duraturi, ma essendo prodotti in successione, la pianta è raramente senza fiori. Il colore rosso-arancio dei fiori e la loro consistenza satinata, dominano su labello e petali, tanto piccoli da passare quasi inosservati nel centro del fiore, e sono godibili solamente quando sono visti da vicino.

Coltivazione
Può essere coltivata in vaso o su una zattera. Nel secondo caso è molto importante mettere lo sfagno o altro muschio sotto le radici e mantenere l’umidità d’aria molto alta, 80-85%, altrimenti la pianta non riuscirà a svilupparsi. Coltivazione in vaso, come substrato consiglio una miscela di sfagno e perlite (1 : 1).
Lepanthes telipogoniflora ama molto l’umido, ma non devono manifestarsi ristagni d’acqua dentro il vaso, poiché provocano facilmente i marciumi radicali. La specie vive bene in serra intermedio-calda. Le temperature ideali sono di +24-26°C di giorno e +15-18°C di notte.
Bagnature durante tutto l’anno, abbondantemente e frequentemente, con lievi asciugature (non troppo secco) fra le bagnature. Fertilizzazioni settimanali a dosi ridotte rispetto alla norma, per evitare indesiderate bruciature delle radici, prima di concimare si raccomanda di bagnare la pianta.

Ciao! Che ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.