Phalaenopsis fimbriata

Phalaenopsis fimbriata J.J. Smith

Pubblicazione: Bull. Jard. Bot. Buitenzorg, Ser III, iii. 300 (1921).
Sezione: Zebrinae
Distribuzione: Filippine, Giava, Sumatra.
Etymologia del nome di specie: dal latino “fimbriatus” in riferimento alle frangiature del labello

Sinonimi:
Polychilos fimbriata (J.J. Sm.) Shim Malayan Nat. J. 36(1):23. 1982.

Varietà:
Phalaenopsis fimbriata f. alba O.Gruss & Roellke ex Christenson. Phalaenopsis: a monograph. 122. 2001.
Phalaenopsis fimbriata f. alba O.Gruss & Roellke. Orchidee. 43(2):89. 1992.
Phalaenopsis fimbriata subsp. sumatrana (J.J.Sm.). Christenson. Phalaenopsis: a monograph. 121. 2001.
Phalaenopsis fimbriata var. tortilis O.Gruss & Roellke. Orchidee. 43(2):89. 1992. Without type.

Note di coltivazione:
La letteratura pone come condizioni ideali, luce molto soffusa, ambiente ventilato, substrato sempre umido, temperature estive 24 – 28 gradi centigradi, invernali 18 – 20 gradi, ma nella mia collezione le temperature invernali sono forzatamente molto inferiori (notti anche a 10 gradi) e questa specie riesce a cavarsela dignitosamente. Importante non bagnarla con temerature basse. Si sviluppa bene anche su zattere. Fertilizzazioni standard.

Ciao! Che ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.