Coltivare le orchidee in casa

I consigli di Gianni

LA FINESTRA DI GIANNI

Gianni Morello, un Veneziano (anzi un Mestrino) in Germania con l’hobby delle orchidee, coltiva dove può, oltre 200 piante: il classico collezionista del davanzale tanto caro a molte/i appassionati italiani.

Gianni ha molte eperienze utili da raccontarvi, gli ho chiesto la cortesia di farlo in questo blog: lui ha accettato e quindi nasce “LA FINESTRA DI GIANNI”, una rubrica interattiva con i visitatori di orchids.it.

b> Con Gianni potete dialogare utilizzando la finestra dei commenti, io mi limito a portare nella rubrica, le vostre discussioni.

Dialoghi
Sara
E’ veramente strano…Gianni Morello…esattamente il nome di mio padre. Lui amava molto le rose e le orchidee. Erano gli anni Settanta e certo non era facile come oggi coltivare Paphio, Phal, Cattleya ecc. Credo fossero piante considerate difficili e solo per veri esperti. Mi hanno raccontato che uno dei suoi progetti-mio padre aveva un sacco di idee per la testa-era di costruire una piccola serra tutta per le orchidee, e questo mi fa sorridere perchè ho saputo della sua passione per questi fiori solo quando è nata la mia. A volte immagino come sarebbe stato cimentarsi insieme in rinvasi e bagnature e concimazioni…probabilmente avremmo finito col litigare,perchè ci assomigliamo troppo e abbiamo tutti e due un carattere piuttosto cocciuto. Mi piacerebbe mandare un saluto a questo signore che vive in Germania, che porta lo stesso nome di mio padre e ha il suo stesso amore per le orchidee. Sara
Giovedí 23/12/04 @ 12:19:49

Gianni
Ciao Sara, Il saluto è stato letto e lo ricambio di Cuore, e adesso niente signore solo Gianni, va bene? Tanti auguri di buone feste e tante Orchidee fiorite per il 2005. io purtroppo in Italia ci vengo solo una volta ogni tanto e spero che potremo conoscerci personalmente magari da Guido. Salutoni a tutti. Gianni

Veronica
Caro Gianni, ti prego dicci tutti i tuoi trucchetti e infettaci con il tuo pollicione verde, è una vera meraviglia ciao da Ischia
Venerdí 24/12/04 @ 17:58:30

Gianni
Cara Veronica, il Pollice verde, si assume automaticamente con il tempo e l’ esperienza, leggere molta letteratura speciale, tante conversazioni con esperti, per esempio come Guido, e poi cercare di ricordarsi di quello che hanno detto gli esperti, e poi mettere tutto in pratica facendo di testa propria e secondo le condizioni di vita e climatiche in cui si è sottoposti dove si vive. Perciò non sapendo che piante possiedi e come le coltivi, non posso darti dei consigli o come dici tu di svelare i miei trucchi. a presto Gianni
Lunedí 27/12/04 @ 23:25:51

Veronica – Un bacione e tanti auguri ugualmente, comunque …visto che ci sono ti dico quali sono le mie piantine così ..anche se viviamo in posti molto diversi(sono a Ischia) puoi provare a raccontarmi qualche tua magia (perchè secondo me chi tiene le piante come te è magico).Dunque: Phragmipedium besseae Dendrobium Jenkinsii Dyakia Hendersoniana Warningia eugenii Sophrontis Brevipendiculata Brassolaeliocattleya Grazie e tanti auguri
Venerdí 31/12/04 @ 09:59:35

Gianni
Ciao Veronica, anche a te un bel bacione di buon anno, felicità e sopratutto salute e un sacco di Orchidee fiorite, beh io i besseae sia il rosso normale che il giallo li tengo ben umidi, uso il vecchio spruzzino che mia moglie adoperava una volta per inumidire la biancheria prima di stirarla. il jenkinsii ce`l’ho da circa sei mesi e cresce bene ma fiori non ancora, ad ogni modo fa il bagnetto due volte al giorno, c’ho un secchiello con un po`d’ acqua a portata di mano, per la Dyakia e la Warmingia no posso dirti molto perché non le conosco bene, le Sophronitis ho finito da tempo di ammazzarle e non ci provo più. Le Blc sono meravigliose e ne ho diverse, allora cominciamo con la luce, non ha niente di straordinario e ci accontentiamo di quella di ogni giorno, l’ acqua io da circa un anno adopero acqua purificata con un apparecchio di Osmosi comperato tramite ebay, precedentemente la purificavo un po con i filtri della ditta Brita. Attualmente le piante in vaso le annaffio una volta alla settimana e ogni trè settimane aggiungo un po’ di concime, attualmente uso quello della ditta “Compo con il Guano” e ne uso un misurino su un litro e mezzo d’ acqua e da questa ne diluisco ancora un misurino in un litro abbondante, ogni tanto cambio e ci metto ogni litro un cappelletto del concime di Riboni o di un altra ditta, anche per cambiare la concentrazione dei sali contenuti nei nutrimenti. Anche perché noi mica mangiamo spaghetti ogni giorno vero? Ad ogni modo da quando uso l’acqua purificata le mie piante mi ringraziano con tante fioriture, solo che il vecchio detto contadino degli anni 50 quando sono stati inventati i concimi sintetici, e gli insetticidi micidiali “molto aiuta molto” è completamente sbagliato, da me le piante fanno la fame e patiscono la sete e crescono sane e robuste come un Atleta che si allena bene con un nutrimento sano e senza Doping. A presto.
Venerdí 31/12/04 @ 22:33:29

Veronica
Grazie,il mio besseae lo tengo in una ciotolina in cui non manca mai l’acqua ed è dentro una grande ciotola piena di argilla espansa ed acqua volevo chiederti come do l’acqua alla blc, nel senso come faccio a capire che ne ha bisogno? ho il terrore dei marciumi e poi la posso spruzzare con lo spruzzetto? Comunque ti dico anche che in casa la temperatura oscilla tra i 14°/18°gradi e l’umidità è del 68/72% Ancora auguri e bacioni

Domenica 02/01/05 @ 12:14:29
———————————–
Gianni:
ciao Veronica, guarda io faccio cosi`, le mie piante le ho su delle vaschette di plastica dal bordo alto e dentro c’e`una griglia ancora di plastica alta circa un centimetro, questo per ottenere in poco spazio un cosiddetto microclima umido per aumentare l’umidita` necessaria alle piante e unire 5 o 6 piante in uno spazio ristretto. Le ciotoline e i sottovasi non servono a niente. Io il besseae non lo tengo tutto il santo giorno con i piedi (radici) a bagno senno` si marciscono, per lo spruzzatore forse mi sono espresso male, io uso una bottiglietta di plastica con dei buchini sul tappo che mia moglie usava una volta per inumidire la biancheria, piu`che uno spruzzatore e`un gocciolatore, il terriccio del besseae e di tutti i Phragmipedium deve essere umido e ben concimato ( ma non troppo) ma non fradicio. I Phragmipedium vivono nel loro paese sulle rive di corsi d’acqua, vicino a delle cascate e su prati umidi anche se in pieno sole. le Cattleye le tengo anche quelle tutte cosi` sulle vaschette e le annaffio bene una volta alla settimana senza spruzzarle, in estate all’ aperto spruzzo con uno spruzzatore da 5 litri 3 volte al giorno e le annaffio due volte alla settimana, pero`sono in pieno sole. Ricordati bene quello che ho gia`scritto “molto aiuta molto” e` sbagliato anche se si tratta solamente di un po`d’acqua, un po`d’ acqua fa bene, un po` troppa fa venire il mal di pancia.

.. per via dell’acqua leggi il mio commento nella discussione per l’acqua, ti abbraccio, Gianni.

Cara Veronica,
la tua domanda l’ho letta troppo in fretta ed ho saltato il punto della tua seconda ciotola con l’argilla espansa, qui`ti ringrazio perche non sapevo come si chiamasse in Italiano, lo sai io ormai sono un po` Foresto ( estraneo) come si dice da noi nel veneto.
Allora tenere le orchidee tutte solitarie va a finire che muoiono di solitudine, e lo sai perche`? Restando da sole le manca l’umidità del cosiddetto microclima, se le metti assieme e ben strette, si forma attorno come una piccola campana di umidita` e le piante si sentono meglio.
Io l’argilla espansa non la uso piu` perche` con il tempo assimilando i residui dell’ acqua e dei concimi odora un po` ammuffita e per pulirla bisogna mettera dentro a dell’ acqua bollente o rinnovarla e con il tempo diventa un sistema scocciante.
Le grigliette di plastica invece si possono pulire con uno spazzolino da cucina e in un paio di minuti si finisce(a pulirne una).
ciao ciao Gianni.
————————————
Soluzioni di coltivazione sul davanzale


Come vedete le vaschette sono di due misure, una lunga e bassa e l’ altra corta e alta e le griglieette e si puliscono spesso sono come nuove in un paio di minuti, e quella bottiglietta blu`e`il mio cosiddetto spruzzino con cui inumidisco quasi giornalmente alcune delle mie piante, tra i quali i miei besseae e alcune baby che ho comprato incoscientemente senza pensarci.

6 pensieri su “Coltivare le orchidee in casa

  1. Ciao Gianni, grazie per l\’informazione. Farò magari un salto da Ikea. Mi aspettavo però di dover far del bricolage per la griglia! Di mando il mio email per il link.
    Ciao, Daniela

  2. Ciao Daniela,
    Io le vaschette le compero in germania, quelle lunge da Manfred Mayer di Francoforte e quelle corte e Bianche da IKEA le grigliette me le taglio a misura con il trancino, perche` le vaschette lunge sono complete. Vediamo se riesco a convincerli di venire in Italia a qualche mostra. Mandami il tuo indirizzo di E- Mail cosi`ti mando il Link

  3. ciao Veronica, guarda io faccio cosi`, le mie piante le ho su delle vaschette di plastica dal bordo alto e dentro c\’e`una griglia ancora di plastica alta circa un centimetro, questo per ottenere in poco spazio un cosidetto microclima umido per aumentare l\’umidita` necessaria alle piante e unire 5 o 6 piante in uno spazio ristretto. Le ciotoline e i sottovasi non dervono a niente. Io il besseae non lo tengo tutto il santo giorno con i piedi (radici) a bagno senno` si marciscono, per lo spruzzatore forse mi sono espresso male, io uso una bottiglietta di plastica con dei buchini sul tappo che mia moglie usava una volta per inumidire la biancheria, piu`che uno spruzzatore e`un gocciolatore, il terriccio del besseae e di tutti i Praghmipedium deve essere umido e ben concimato ( ma non troppo) ma non fradicio.
    I Pragmipedium vivono nel loro paese sulle rive di corsi d\’acqua, vicino a delle cascate e su prati umidi anche se in pieno sole.

    le Cattleye le tengo anche quelle tutte cosi` sulle vaschette e le annaffio bene una volta alla settimana senza spruzzarle, in estate all\’ aperto spruzzo con uno spruzzatore da 5 litri 3 volte al giorno e le annaffio due volte alla settimana, pero`sono in pieno sole. Ricordati bene quello che ho gia`scritto \”molto aiuta molto\” e` sbagliato anche se si tratta solamente di un po`d\’acqua, un po`d\’ acqua fa bene, un po` troppa fa venire il mal di pancia.
    Le Foto delle vaschette e del mio gocciolatore le mando domani a parte. per via dell\’acqua leggi il mio commento nella discussione per l\’acqua,
    ti abbraccio, Gianni

Ciao! Che ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.