Orchidee al Polo

Una piacevole scoperta a due passi dal Polo Nord

Quest’anno ho avuto l’insperata fortuna di trascorrere qualche giorno di vacanza in Norvegia ed ho potuto visitare le isole Lofoten e su fino a Capo Nord.
Durante il tragitto si vedono qua e la piccole e grandi macchie di color ciclamino spiccare dal vivace verde estivo, dovute all’Epilobium angustifolium (foto sotto) che i norvegesi rispettano molto perché sentono imperativo il bisogno di un po’ di colore.
Foto Vincenzo Ghirardi – diritti riservati

Epilobium angustifolium

Più a nord, spicca tra l’altra vegetazione, la “palma di Tromsø” ovvero l’Heracleum laciniatum o tromsoensis (foto sotto), pianta velenosa
Foto Vincenzo Ghirardi – diritti riservati

Heracleum laciniatum o tromsoensis
importata come ornamentale e nel tempo divenuta eccessivamente invasiva; sembra che in particolari condizioni favorevoli riesca a crescere ben 40 cm a notte……vox populi.
Nelle zone umide della tundra si notano grandi macchie bianche di Heriophorum vaginatum (foto sotto) ondeggiare al vento che in quei
Foto Vincenzo Ghirardi – diritti riservati

Heriophorum vaginatum
luoghi non manca quasi mai, e con mio grande stupore ho visto anche delle piante carnivore del genere “Pinguicola alpina (L)”(foto sotto).
Foto Vincenzo Ghirardi – diritti riservati

Pinguicola alpina (L)

8 pensieri su “Orchidee al Polo

  1. …leggo ora…devo appurare, ma per il momento piena fiducia agli esperti 😆

    Inserisco prontamente il nome scientifico…vince, fatti pagare l’ingrandimento!

    salutoni
    guido

  2. Ciao e molte grazie G. & C.I.,
    non si tratta di favore bensì di grande piacere da parte mia, lo
    farò in men che non si dica.

    ps. per Guido: Come vedi non hai l’esclusiva del Parnasso !! anche
    a Capo Nord “parnassano” come nulla fosse.
    Cordialmente, sempre.
    Vincenzo.

  3. Ciao Vincenzo
    Complimenti per il servizio fotografico e per il bell’ articolo che trasmettono il fascino di quelle regioni.
    Abbiamo riconosciuto il fiore della penultima foto ( fiore bianco ), si tratta di una saxifragacea del genere Parnassia, per l’esattezza Parnassia palustris (L.).
    Ti chiediamo anche un favore, puoi mandarci un ingrandimento della foto dell’Epilobium angustifolium?
    Grazie e arrivederci a presto.
    G. & C.I.

  4. Grazie, AMICI, perchè nel rispetto della regola aurea del nostro
    club, l’amicizia e la passione per le orchidee, ho avuto la possibilità
    di condividere con voi queste piacevoli sensazioni. Grazie anche a
    Guido che me lo ha concesso.
    Cordialmente, sempre.
    Vincenzo.

  5. Grazie Vincenzo per aver condiviso questa esperienza di viaggio e le immagini BELLISSIME che la descrivono!
    La Dactylorhiza “polare” è davvero una splendida sorpresa, la tenacia di queste piante e la loro bellezza ha dell’incredibile!

Ciao! Che ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.