Cymbidium visti da Rebecca Tyson Northen

Le piantine da seme
I semi di Cymbidium si ottengono mediante l’impollinazione eseguita a mano. Si procede poi alla semina con i metodi descritti per le Cattleya. I semi si appiccicano facilmente alle pareti della provetta contenente la soluzione disinfettante. Si rimedia all’inconveniente agitando la provetta, nel caso si faccia uso di un contagocce, o prelevando i semi con un anello di platino. I semi sono lenti a germinare, ma le piantine si sviluppano bene. Quando le piantine vengono rimosse dalle beute, possono essere collocate o in contenitori comuni di 13 centimetri di diametro, o preferibilmente in terrine. Un substrato soddisfacente è quello di osmunda pura, ma si possono usare anche i composti descritti in precedenza. I vasi comuni devono essere collocati in cassette con coperchio, le terrine coperte con una lastra di vetro, in modo da assicurare alle piantine un’atmosfera rinchiusa e umida, che è quella che favorisce lo sviluppo. In questa fase di sviluppo la temperatura notturna conveniente sarà di 14-15 gradi. Quando le piantine saranno alte 8-10 centimetri possono essere tolte dai vasi comuni e messe in vasi singoli di 8 centimetri di diametro. Se le piantine coltivate in terrine mostrano di avere spazio sufficiente, possono esservi lasciate un poco più a lungo. Le piantine ottenute da seme possono essere trapiantale in vasi più grandi, mano a mano che l’operazione si rende necessaria, senza che si debba disturbare la massa di substrato attorno alle radici. Cresceranno piuttosto rapidamente e fioriranno sovente, una volta giunte al quinto anno d’età, anche se ve ne saranno di più lente, che fioriranno solo verso il settimo o ottavo anno. Le piantine di Cymbidium hanno dei prezzi ragionevoli e sono soggetti interessanti per l’appassionato. Se i retrobulbi impiegano due o tre anni a rag¬giungere la fioritura, anche le piantine da seme di due o tre anni impiegheranno lo stesso tempo a fiorire. A meno che abbiate un particolare interesse per piante ottenute da divisione di determinati esemplari, le giovani piantine nate da seme potranno procurarvi grandi soddisfazioni.

Nota: le notizie riportate, seppur datate, hanno ancora valenza divulgativa; bisogna tener conto del fatto che il tutto è riferito agli USA con riferimenti a materiali e tecnologie di 30 anni fa.

Questa voce è stata pubblicata in Orchids. Contrassegna il permalink.

Ciao! Che ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.